Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 27571
  
Immagine copy copyLa PAC e la Strategia Farm to Fork dovranno allinearsi al Green Deal e al pacchetto di proposte "fit for 55" approvato due giorni fa dalla Commissione Europea.

L'obiettivo finale è la "neutralità climatica" al 2050. In vista di quella data, la Commissione Europea ha fissato una scadenza intermedia al 2030 entro la quale attuare un pacchetto di proposte da negoziare con gli Stati Membri. Il pacchetto - approvato mercoledì scorso- si chiama "fit for 55", dove 55 si riferisce all'obiettivo di ridurre le emissioni del 55% entro il 2030. L'intento è di riportare l'Europa ai livelli di emissioni del 1990. 

Concorrono alla neutralità climatica  numerosi settori strategici dell'economia europea, fra cui l'agricoltura, l'allevamento e la produzione alimentare. Per questi settori, le linee guida saranno dettate dalla PAC 2023-2027 e dalla Strategia Farm to Fork (Dal Produttore al Consumatore).

Gli ecoschemi obbligatori della PAC- Gli Stati Membri - nell'ambito della politica agricola comune (PAC)- dovranno presentare i loro eco-schemi. Si tratta di interventi che devono avere un impatto positivo sul clima e sull'ambiente e che i singoli agricoltori possono attivare facoltativamente, in cambio di un supplemento sotto forma di pagamento diretto annuale disaccoppiato. Secondo le proposte legislative della Commissione Europea, gli Stati membri sono tenuti a introdurre obbligatoriamente uno o più regimi ecologici a valere sulla dotazione del Fondo europeo agricolo di garanzia (FEAGA). L'Italia ha espresso riserve sulla definizione di percentuali minime di spesa per gli eco-schemi previsti dalla riforma della PAC perché', essendo volontari per gli agricoltori,rischierebbero di immobilizzare fondi non utilizzati.
Negli eco schemi rientrano la sostenibilità delle pratiche agro-zootecniche, la sostenibilità alimentare, il benessere animale e la lotta all'antibiotico-resistenza.
Gli Stati membri dovranno dichiarare gli eco-schemi che intendono perseguire nei loro Piani strategici nazionali, che l’esecutivo dell’Ue dovrà infine approvare.

Scelte alimentari 'climate friendly'- La Commissione punta a scelte alimentari rispettose del clima: "anche cambiamenti moderati nel consumo di alimenti di origine animale, in linea con le raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), possono ridurre significativamente le emissioni dalla produzione agricola"- si legge nella proposta di regolamento (Proposal for a Regulation - targets by 2030 climate neutrality by 2035) pubblicata il 14 luglio.
La proposta di regolamento riporta una serie di raccomandazioni mirate per ciascuno Stato Membro. All'Italia la Commissione raccomanda, fra l'altro, di "adottare strategie alimentari a basse emissioni, migliorare la gestione del letame, aumentare l'uso di energia da fonti rinnovabili, migliorare la gestione dei residui agricoli.

Il Progetto 'Animal Change'
-La Commissione si richiama al progetto di ricerca europeo 'Animal Change': un gruppo di ricercatori dell’UE ha pubblicato studi su come l’allevamento- nei diversi settori zootecnici-  influisce sul cambiamento climatico e viceversa (qui i risultati di sintesi), concludendo a favore di politiche più efficaci che in passato per mitigare gli effetti vicendevoli del cambiamento climatico, con riflessi sulla produttività, la salute e il benessere degli animali allevati.

Carbon farming initiative- Alla fine del  2021, la Commissione Europea presenterà una proposta (carbon farming initiative) per un modello di business "verde" in agricoltura per incentivare le pratiche agricole climate friendly.

Additivi per mangimi- La Commissione prevede la revisione della proposta di regolamento sugli additivi permangimi (4° trimestre 2021), al fine di ridurre l'impatto ambientale dell'allevamento.

Benessere animale- La Commissione intende valutare e riesaminare il quadro normativo in vigore in materia di benessere degli animali (4° trimestre 2023), al fine di allinearla ai più recenti dati scientifici.

Fit for 55': delivering the EU's 2030 Climate Target on the way to climate neutrality

Analysis of links between CAP Reform and Green Deal

Il futuro dell’allevamento del bestiame e il cambiamento climatico
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o