Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 25622
  
gatto veterinarioLa Federazione degli Ordini Veterinari della Toscana ha inviato una nota di informazioni e raccomandazioni agli iscritti.


Il primo caso in Italia di Encefalite da Lyssavirus in un gatto è materia di approfondimento di un tavolo tecnico-scientifico avviato dal Ministero della Salute che "darà opportune direttive", scrive Faustina Bertollo, Presidente della Federazione degli Ordini della Toscana, ai Medici Veterinari della regione. La circolare contiene alcuni aggiornamenti sulla situazione edpidemiologica in corso e che -allo stato- "non ha evidenziato fattori di rischio significativi". La circolare riporta anche alcune raccomandazioni ai Medici Veterinari.

"Il rischio di contagio è legato a infezione virale attraverso ferite e mucose-
scrive la Presidente Bertollo. Trattandosi di virus rabbia correlato, il potenziale rischio deve orientare la nostra attività professionale alla massima prudenza, adottando e facendo adottare misure di precauzione e protezione, segnalando alla USL i casi di malattie acute e sintomatologia neurologica o di morte improvvisa di animali. Particolare precauzione è raccomandata nella manipolazione di animali selvatici, in particolare di mammiferi raccolti e soccorsi da cittadini che, ove possibile, devono essere avviati senza ritardo al sistema di soccorso regionale".

"L'informazione agli utenti attraverso di noi deve essere per quanto possibile scientifica, evitando di creare allarmismi e dando indicazioni di precauzione".- conclude la nota.

Lyssavirus: caso di efficiente sorveglianza non di allarmismo

Infezione dal Lyssavirus, prime valutazioni e provvedimenti

European Bat Lyssaviruses: An Emerging Zoonosis
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o