Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 24924
  
nas-carabinieriE' successo nel palermitano. La struttura non aveva l'autorizzazione. All'origine del sopralluogo un'ispezione a carattere igienico-sanitario. Il titolare è veterinario ASL.
Non ha l'autorizzazione per potere esercitare la professione di medico all'interno del suo studio. E' bufera attorno ad un professionista che tra l'altro ricopre anche il ruolo di consigliere comunale in un paese del palermitano. Si tratta di un medico veterinario, impiegato presso l'azienda sanitaria provinciale di Palermo, a cui i Nas e il Comune hanno chiuso l'attività ambulatoriale che svolgeva privatamente.
Secondo quanto si evince dal verbale del nucleo antisofisticazione dei militari dell'Arma, Ricupati avrebbe esercitato la propria attività senza la prescritta autorizzazione. L'ambulatorio è stato quindi chiuso. Dal blitz dei Nas è emerso che per l'attività portata avanti nellostudio medico veterinario, non vi era la prescritta autorizzazione amministrativa, né tantomeno risulta essere stata data segnalazione all'Ispettorato Regionale Veterinario di Palermo.

Ad essere violate quindi una serie di normative che contemplano per l'appunto la necessità di richiedere e avere determinate autorizzazioni per avviare tale attività medica. In particolare l'articolo 5 del decreto del febbraio 2005 in cui sono contenute le direttive per l'attivazione delle strutture veterinarie previste dalla deliberazione della Conferenza Stato-Regioni e Province autonome datata 26 novembre 2003, emesso dall'assessorato regionale della Salute.

I Nas hanno effettuato l' operazione nell'ambito di una ispezione amministrativa a carattere igienico-sanitario. I carabinieri hanno quindi trasmesso il verbale di contestazione al Comune che ha adottato altri provvedimenti consequenziali. Il sindaco ha emesso un'ordinanza nella quale dispone l'immediata chiusura dell'ambulatorio veterinario.

Il veterinario è stato rieletto al consiglio comunale alle ultime elezioni e risulta dipendente dell'Azienda sanitaria provinciale di Palermo. E' dirigente medico presso l'Asp di Palermo e si occupa di tutto ciò che concerne ad esempio macelli, laboratori o stabilimenti. (fonte: TV7 – balestrate.it)
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o