Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 26143
  
H1N1 influenza virusSorveglianza mondiale sui virus dell'influenza suina. La raccomandano le maggiori organizzazioni mondiali: OMS, OIE e  FAO. Dichiarazione congiunta.


Le notizie della circolazione di virus influenzali del sottotipo A (H1N1) nella popolazione suina in Cina, associata ad evidenze di potenziale zoonotico, ha allertato il mondo sul rischio di pandemia associato ai virus dell'influenza suina.

"La consapevolezza e la vigilanza sono fortemente consigliate- afferma Keith Sumption, Chief Veterinary Officer della FAO. “I virus analizzati nel recente rapporto dalla Cina mostrano caratteristiche associate a una maggiore capacità di trasmissione zoonotica, la potenziale capacità di infettare gli esseri umani. I virus hanno alcuni marcatori genetici che suggeriscono la possibile infezione umana e la diffusione tramite droplets dei furetti.

Le tre Autorità raccomandano che nei vai Paesi vengano raccolti nuovi dati aggiornati sulla sorveglianza dell'influenza suina per una rapida valutazione del rischio su scala globale. Con questo obiettivo  il Network OFFLU (OIE-FAO Network of Expertise on Animal Influenza) consente la condivisione tempestiva dei dati di sorveglianza dei suini, per rilevare un'ampia gamma di virus influenzali, compresi i ceppi emergenti. La raccomandazione si estende anche alla prosecuzione dei test per l'influenza suina secondo gli standard dell'OIE.
L'OMS ricorda che la disponibilità di dati sui virus influenzali emergenti attraverso GISRS (Global Influenza Surveillance and Response System) ha consentito agli specialisti della salute pubblica e animale di valutare rapidamente i rischi di potenziali pandemie.

Negli ultimi quattro decenni si sono verificati casi di trasmissione sporadica di virus influenzali tra animali e esseri umani. "Queste sporadiche infezioni zoonotiche ci ricordano che la minaccia di una pandemia influenzale è persistente"- dichiarano le tre sigle. L'influenza suina "non deve essere trascurata. La pandemia del 2009 da H1N1 è stata causata da un ceppo di virus dell'influenza suina A, introdotto nell'uomo e diffuso in tutto il mondo. Da allora gli esseri umani hanno reintrodotto questi virus nei maiali, dove continuano ad evolversi". 

“L'influenza nei suini non è una malattia che richiede la segnalazione all'OIE da parte delle autorità veterinarie. Tuttavia, è necessaria una sorveglianza continua e una valutazione del rischio dei ceppi emergenti nelle popolazioni di suini ", afferma il dott. Matthew Stone, vicedirettore generale (International Standards and Science) dell'OIE.

Lo sviluppo di virus vaccinali contro l'influenza zoonotica A, coordinato dall'OMS, resta  essenziale nella strategia globale per la preparazione alle pandemie. Tutto questo dipende dalla sorveglianza continua negli animali, suini compresi e dalla segnalazione tempestiva di infezioni umane, come prevedono i regolamenti sanitari internazionali.
Un possibile vaccino per l'uomo è stato sviluppato a scopo precauzionale dal Centro dell'OMS che collabora con la Cina.

AO/OIE/WHO Tripartite Statement on the Pandemic Risk of Swine Influenza
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o