Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 27415
  
Autonomer Roboter besitzt oder kümmert sich um einen Welpen, Cyborg und Tier verstehen sich und nehmen Kontakt aufUniversità, centri di ricerca e organizzazioni veterinarie promuovano l'uso delle tecnologie digitali ma anche una formazione consapevole dei loro limiti. EAEVE e ECCVT in Italia.


Le tecnologie digitali e l'intelligenza artificiale (DT&AI) sono state al centro dell'Educational Day 2021 organizzato dalla EAEVE, l'associazione europea delle istituzioni accademiche veterinarie.
Riunita a Torino per la sua 34° assemblea generale, la EAEVE ha tenuto, il 1 ottobre, un seminario con gli esperti del gruppo di lavoro sulle DT&AI per approfondirne l'impiego nella formazione e nella pratica veterinaria, un tema di tendenza sul quale sono intervenuti Pierre Lekeux (Presidente del Gruppo DT&IA) Volker Moser e Jimmy Saunders del Comitato di coordinamento europeo per la formazione veterinaria (ECCVT).

Queste tecnologie vengono già impiegate sia in ambito universitario che nell'esercizio professionale e - a detta degli esperti- le nuove generazioni hanno già molta familiarità con esse. Le Università stanno considerando di introdurre l'insegnamento accademico  delle tecnologie digitali (DT) e dell'Intelligenza Artificiale (IA)  per aiutare gli studenti in medicina veterinaria nella loro comprensione e nel loro utilizzo. Una formazione che- dicono gli esperti- dovrebbe essere introdotta anche nella formazione post laurea.

Nella professione veterinaria si va affermando una "nuova pratica veterinaria"  che usa le nuove tecnologie  - come la telemedicina - offrendo nuove opportunità che richiedono anche solide basi. “Non sono il futuro, sono il presente- dichiara Lekeux che avverte: "E' chiaro che queste tecnologie non possono sostituire il veterinario, ma allo stesso tempo, i Veterinari che le utilizzano rimpiazzeranno quelli che non lo fanno".

L'ECCVT sottolinea la "necessità imperativa" per tutti gli istituti di istruzione veterinaria di garantire una migliore comprensione delle nuove competenze per "consentire ai Veterinari di comprendere cosa aspettarsi dall'uso di questi nuovi strumenti, cosa si può fare, quali sono i limiti e quanto sia  importante la supervisione umana per garantire un uso affidabile ed etico.

L'esortazione le università, i centri studio e ricerca, le organizzazioni professionali veterinarie è di promuovere lo sviluppo di tecnologie affidabili, ma nel contempo stabilire e migliorare i metodi di convalida, le procedure di autorizzazione e creare un quadro solido per il loro utilizzo. Il gruppo di lavoro (DT&AI) è pronto a condividere le proprie indicazioni. (fonte: Fve)

ECCVT opinion on the impact of digital technologies and AI
Digital Technologies and Artificial Intelligence
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o