Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 27415
  
unveilingFu la Peste Bovina a far nascere i servizi veterinari e le scuole di veterinarie. La sua eradicazione, dieci anni fa, ha insegnato che i vaccini possono debellare altre malattie. Entro il 2030.


Dieci anni fa l'eradicazione planetaria della Rinderpest, la Peste Bovina. Oggi la comunità internazionale punta a debellare la Peste dei piccoli ruminanti (PPR) entro il 2030. Nel decennale della sconfitta della Rinderpest l'Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE) ricorda che fu proprio quella malattia a determinare molti Stati a dotarsi di un servizio veterinario nazionale e a fondare scuole di medicina veterinaria come quella di Lyone, primo esempio storico per le Accademie europee. Non solo. La battaglia contro la malattia ha accelerato lo sviluppo di un vaccino sicuro ed economico, che ha reso possibili campagne di vaccinazione su larga scala nelle regioni colpite. Inevitabile il parallelismo con l'attuale emergenza SARS CoV-2.

"L'eradicazione globale della peste bovina dà motivo di essere ottimisti quando si tratta di combattere le malattie infettive degli animali- dichiara l'OIE. "Sebbene la recente pandemia di Covid-19 abbia dimostrato l'impatto devastante che le malattie infettive emergenti possono avere, è anche un promemoria del ruolo fondamentale che i vaccini possono svolgere nel proteggere tutti noi".

Vaccinazione: pietra angolare del controllo e dell'eradicazione delle malattie infettive - Il virus PPR appartiene alla stessa famiglia del virus responsabile della peste bovina. Pertanto, numerose lezioni apprese dall'eradicazione della peste bovina possono essere applicate agli sforzi di eradicazione di questa malattia. I vaccini PPR sono disponibili e possono indurre un'immunità protettiva per tutta la vita, pertanto la vaccinazione è uno degli strumenti chiave identificati all'interno della strategia globale di controllo ed eradicazione.

PPR obiettivo 2030- La malattia colpisce pecore e capre in circa 70 paesi, soprattutto in Africa, Asia e Medio Oriente, dove vive l'80% della popolazione dei piccoli ruminanti. Questi animali sono principalmente di proprietà di allevatori familiari, che si affidano a loro per il cibo e altri prodotti, come lana e pelle, nonché per la generazione di reddito. I piccoli ruminanti sono anche una "polizza" contro la siccità e le carestie. Contribuiscono alla sicurezza alimentare, alla nutrizione, ai mezzi di sussistenza, allo sviluppo economico nazionale e al benessere generale di circa 330 milioni di persone.

Covid-19, un formidabile promemoria- Sebbene gli insegnamenti dell'eradicazione della peste bovina e del vaiolo vengano ricordati in più occasioni, le malattie infettive attualmente mirate all'eradicazione affrontano una serie di sfide, politiche ed economiche. Ecco allora che l'attuale pandemia di Covid-19 rappresenta un forte promemoria dell'efficacia della vaccinazione per la salute pubblica globale.
Nel campo della salute degli animali, la vaccinazione che ha portato alla scomparsa della Rinderpest dal Pianeta ha consentito un aumento della produzione, animali più sani e un maggiore ritorno degli investimenti agricoli in tutto il mondo.

L'eradicazione della Rinderpest è stato il primo caso di malattia animale debellata in tutto il mondo.

Nella foto l'inaugurazione della stele commemorativa dell'eradicazione della Rinderpest di fronte al Ministero della Salute

Ten years on, Rinderpest eradication highlights the value of vaccines
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o