Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 26363
  
dottore camice nomeLa professione veterinaria è regolamentata in modo proporzionale alle libertà di accesso e di esercizio? La risposta nella griglia proposta dal Governo italiano.

Prima di procedere ad una riforma di stampo liberalizzatrice delle professioni intellettuali regolamentate, la Commissione Europea ha incaricato gli Stati Membri di misurare l'attuale  livello di regolamentazione nazionale a cui sono soggette le professioni ordinistiche, Veterinaria compresa.

La valutazione di "proporzionalità", in Italia, verrà condotta sulla base di un test (griglia di valutazione) che si trova all'esame del Parlamento. Elaborata dai Ministeri competenti, la griglia ha già avuto il parere favorevole delle Regioni, che l'hanno tuttavia condizionato ad un approfondimento sul peso dell'Antitrust nel processo di valutazione, cioè nello stabilire se le regole di accesso e di esercizio sono giustificate oppure sono sproporzionate rispetto alle caratteristiche professionali.

La valutazione richiede la dimostrabilità che le regole in essere (es. abilitazione di Stato, competenze esclusive e riservate.) "sono giustificate soltanto dalla tutela dei consumatori" o se invece non vi siano riserve protezioniste. La valutazione non esclude di considerare "se l'obiettivo possa essere conseguito mediante  mezzi meno restrittivi rispetto all'opzione di riservare le attività".

pdfGRIGLIA_DI_VALUTAZIONE_DELLA_PROPORZIONALITA_copy.pdf224.7 KB


Atto n. 186
Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva (UE) 2018/958
relativa a un test della proporzionalità prima dell'adozione di una nuova regolamentazione delle professioni.
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o