• Utenti 12
  • Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 29195
PROROGA

Fattura elettronica: obbligo nel 2024, regole invariate

Fattura elettronica: obbligo nel 2024,  regole invariate

Con il decreto Milleproroghe l’obbligo di emissione della fattura elettronica slitta al 1 gennaio 2024. Restano quindi invariate le regole applicabili dai Medici Veterinari.

Anche nel 2023, i Medici Veterinari non possono emettere fatture elettroniche “con riferimento alle fatture i cui dati sono da inviare al Sistema tessera sanitaria”.  Lo si deve al cosiddetto Milleproroghe (Decreto-legge n. 198 del 29 dicembre 2022- Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi) pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 30 dicembre 2022.

Ancora divieto di fatturazione elettronica –In quanto soggetti tenuti all'invio dei dati al Sistema tessera sanitaria i Medici Veterinari emetteranno fattura senza ricorrere alla fatturazione elettronica) per le prestazioni che entrano nella  dichiarazione dei redditi precompilata (Modello 730 on line) dei loro clienti/persone fisiche. 

Veterinari in regime forfettario - Per tutto il 2023, i Medici Veterinari non dovranno fatturare in modalità elettronica le spese veterinarie detraibili nemmeno se nel 2022 hanno conseguito ricavi e compensi superiori ai 25mila euro (soglia massima oltre la quale scatta l'obbligo di e-fattura per i contribuenti in regime forfettario). In quanto professione sanitaria soggetta all’invio al Sistema TS, il  superamento della soglia dei 25mila euro non fa scattare l’obbligo di fatturazione elettronica.  

Per inciso, è utile ricordare che sulla soglia dei 25mila euro applicabile a tutti i contribuenti in regime forfettario, a fine 2022è arrivata anche una risposta dell’Agenzia delle Entrate: questa soglia resta valida per tutto il 2023. Sarà solo con il 2024- salvo ulteriori rinvii- che la fatturazione elettronica potrà trovare applicazione per tutti i contribuenti, anche per quelli con ricavi e compensi superiori ai 25 mila euro. 

Le fatture al Sistema TS- I dati fiscali trasmessi al Sistema Tessera Sanitaria si riferiscono a prestazioni veterinarie detraibili rese a persone fisiche per cure ad animali da compagnia. Per queste prestazioni l’emissione elettronica della fattura continua a non essere prevista per tutto il 2023.

Prestazioni non inviate al Sistema TS- Per le altre prestazioni veterinarie, cioè per quelle non detraibili nel Modello 730 delle persone fisiche- e quindi non trasmissibili al Sistema TS- la fattura dovrà essere elettronica. E’ il caso ad esempio delle fatture da emettere per prestazioni rese a persone giuridiche (es. aziende private o pubbliche amministrazioni) che non detraggono la spesa veterinaria dalle imposte sul reddito e non presentano il Modello 730.   

DECRETO-LEGGE 29 dicembre 2022, n. 198
Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi (cd Milleproroghe)

Risposte alle domande più frequenti sulla fatturazione elettronica