Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 25227
  
geneticaE' pubblicato sulla GUCE il nuovo Regolamento UE 2016/1012 sulla riproduzione, scambi e ingressi di animali riproduttori di razza pura, di suini ibridi riproduttori e del loro materiale germinale.
L'obiettivo è di armonizzare gli scambi commerciali e gli ingressi nella UE di animali riproduttori e del loro materiale germinale, come pure i controlli ufficiali sui programmi genetici realizzati dagli enti selezionatori e dagli enti ibridatori.

Si tratta di obiettivi che " non possono essere conseguiti in misura sufficiente dagli Stati membri", considerato il loro carattere transfrontaliero; l'Unione invece "può intervenire in base al principio di sussidiarietà sancito dall'articolo 5 del trattato sull'Unione europea" . Il Regolamento si limita "a quanto è necessario per conseguire tali obiettivi in ottemperanza al principio di proporzionalità enunciato nello stesso articolo".

Nel corso degli ultimi vent'anni, la Commissione- si legge nelle premesse del Regolamento-  ha dovuto dare una risposta ad un numero significativo di denunce, presentate dagli allevatori e operatori che portavano avanti programmi genetici, relativamente ai termini del recepimento e dell'interpretazione a livello nazionale degli atti giuridici dell'Unione in materia di riproduzione nei vari Stati membri.

Il regolamento stabilisce:
- le norme zootecniche e genealogiche applicabili agli scambi commerciali di animali riproduttori e del loro materiale germinale, nonché al loro ingresso nell'Unione;
-le norme per il riconoscimento degli enti selezionatori e degli enti ibridatori e l'approvazione dei loro programmi genetici; i diritti e gli obblighi degli allevatori, degli enti selezionatori e degli enti ibridatori;
-le norme relative all'iscrizione di animali riproduttori in libri genealogici e registri suini ibridi e all'ammissione alla riproduzione di animali riproduttori e del loro materiale germinale;
-le norme relative alla prova di performance e alla valutazione genetica di animali riproduttori; le norme relative all'emissione di certificati zootecnici per gli animali riproduttori e il loro materiale germinale;
-le norme relative all'esecuzione dei controlli ufficiali, e in particolare quelle sugli enti selezionatori e sugli enti ibridatori, e le norme relative allo svolgimento delle altre attività ufficiali;
- le norme relative all'assistenza amministrativa e alla cooperazione, nonché le norme relative alla corretta applicazione della legislazione da parte degli Stati membri;
- le norme che disciplinano l'esecuzione dei controlli da parte della Commissione negli Stati membri e nei paesi terzi.

Il regolamento non affronta le problematiche della clonazione

--------------------------------

Regolamento UE 2016/1012 dell'8 giugno 2016 relativo alle condizioni zootecniche e genealogiche applicabili alla riproduzione, agli scambi commerciali e all'ingresso nell'Unione di animali riproduttori di razza pura, di suini ibridi riproduttori e del loro materiale germinale, che modifica il regolamento (UE) n. 652/2014, le direttive 89/608/CEE e 90/425/CEE del Consiglio, e che abroga taluni atti in materia di riproduzione animale («regolamento sulla riproduzione degli animali»)
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o