• Utenti 12
  • Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 29191
IN SICILIA

Randagi da soccorrere, protocollo comunale per i cittadini

Randagi da soccorrere, protocollo comunale per i cittadini
"Trovo un cane che faccio?" Il Comune siciliano di Mazara del Vallo adotta un protocollo operativo per il soccorso dei cani randagi.

Uno schema che definisca “passo passo” cosa fare nel caso per segnalare un cane vagante nel territorio, da prelevare o da soccorrere. E' l' iniziativa dell'assessore al Benessere Animale Gianfranco Casale del Comune di Mazara del Vallo (Trapani). Lo schema, coerente con la normativa vigente in tema di contrasto al randagismo, è stato varato durante un tavolo tecnico per indirizzare correttamente i cittadini in caso di rinvenimento o di incidente stradale.

"Trovo un cane per strada... che faccio?"- Il protocollo comunale individua diverse tipologie di comportamenti e di segnalazione. Si dovrà chiamare la centrale operativa della Polizia Municipale in caso di  randagio incidentato. Se il cane va segnalato in quanto aggressivo, il protocollo prevede il sopralluogo del personale addetto con lettura del microchip e monitoraggio e potrà effettuarsi il monitoraggio sul territorio dopo la verifica e l'avviamento delle procedure di affido. Se il cane vagante risulta apparentemente in buona salute, si potrà utilizzare una apposita App di segnalazione del comune.

Il trasferimento nel Rifugio sanitario è previsto in caso di randagi incidentati e sofferenti con cure mediche e sterilizzazione. Per i randagi aggressivi, a seguito della segnalazione, è previsto il trasferimento in Rifugio sanitario, azioni di recupero comportamentale ed il trasferimento in strutture di permanenza.  Attualmente il Rifugio sanitario ospita circa 60 cani, mentre una struttura situata a Caltanissetta, di competenza del Comune di Mazara del Vallo ne ospita circa 140.

L'assessore Casale preannuncia ulteriori azioni e modifiche per il contrasto al randagismo anche con previsioni di incentivazioni all'adozione in collaborazione con associazioni animaliste e cittadini volontari.
Uno schema grafico illustra le procedure operative da intraprendere. (fonte)