Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 27420
  

FVELa Federazione dei Veterinari Europei ha approvato un documento strategico sulle priorità della professione nei prossimi cinque anni.


Il documento- pubblico da oggi- è stato approvato dall'Assemblea Generale di Novembre. Collegati a distanza- per la seconda volta in modalità telematica - i delegati nazionali hanno condiviso una visione strategica inevitabilmente influenzata dalla pandemia COVID-19.

Secondo la FVE la Veterinaria europea nel prossimo quinquennio dovrà concentrarsi su cinque capitoli fondamentali, per altrettante problematiche nuove ed emergenti che vanno ad aggiungersi ad altre più familiari e non da meno come il benessere degli animali, la resistenza antimicrobica, la qualità della formazione accademica e post-laurea.

One Health e sostenibilità- "Una cosa resa evidente dalla pandemia in corso, è l'importanza dell'approccio One Health- spiega il Presidente Rens van Dobbenburgh-  "Più che mai, la professione veterinaria europea deve alzare lo sguardo oltre la salute degli animali e delle persone e considerare il quadro più ampio della salute interconnessa di persone, animali e degli ecosistemi". La FVE dar quindi la priorità allo sviluppo di sistemi di allevamento che soddisfino le esigenze degli animali (compreso un minor trasporto di animali). Per gli animali da compagnia e per gli animali esotici, la FVE incoraggerà la responsabilizzazione in fase di allevamento, commercio e detenzione, comprese le anagrafi e la lotta commercio illegale.

Una comunità veterinaria- La professione è numericamente piccola, per questo la FVE fonda la propria azione sulla coesione al proprio interno e fra tutte le componenti della Veteirnaira, sia organizzata che per settori di esercizio professionale. Al proprio interno, la Federazione favorirà il coinvolgimento e le sinergie e per garantire l'equilibrio del processo decisionale, saranno considerati i bisogni e le richieste delle organizzazioni nazionali aderenti.

Riconoscimento e influenza- L'affermazione sociale della professione richiede formazione e preparazione. La FVE continuerà a lavorare sulla visibilità di tutti gli aspetti della medicina veterinaria, mettendo in risalto il contributo della professione alla società in generale. Per questo obiettivo, è prevista la revisione del piano di comunicazione e una maggiore presenza sui social media, differenziando gli approcci a seconda dei diversi segmneti di pubblico.

Demografia veterinaria e carriera professionale - Sempre meno giovani veterinari si orientano verso l'esercizio professionale nel settore degli allevamenti e dell'igiene alimentare, rendendo difficile il mantenimento di una un'adeguata copertura di professionisti, specialmente nelle aree rurali e remote. La professione affronta anche problemi di salute mentale e benessere, trovando difficoltà a conciliare lavoro e vita privata. Valenti colleghi abbandonano la professione agli inizi della carriera.
Continuando a monitorare la demografia veterinaria, la FVE lavorerà per aumentare la consapevolezza sui settori carenti, esplorando le possibilità per invertire questa tendenza
Nella strategia quinquennale, entra la promozione della diversità e dell'inclusività professionale, indipendentemente dal genere e dal background socio-economico o culturale. In questo scenario di pari opportunità, la FVE sosterrà fermamente la parità di retribuzione per uomini e donne. AI giovani sarà richiesta una maggiore propensione ad assumere ruoli e posizioni nei gruppi di lavoro e nei ruoli di leadership a livello nazionale o locale.

Adozione delle nuove tecnologie- La digitalizzazione, l'intelligenza artificiale e la telemedicina si sviluppano accanto alla professione. L'attenzione della FVE per questo capitolo emergente è testimoniato dal position paper sulla telemedicina veterinaria che contiene le prime raccomandazioni generali su come dovrebbe essere utilizzata dalla professione.Osservare gli sviluppi tecnologici e il loro impatto consentirà di approfondire le azioni politiche da intraprendere per migliorare la formazione e l'esercizio professionale e nel contempo  garantire l'integrità della pratica veterinaria e il rapporto veterinario-cliente-paziente.

pdfFVE_STRATEGY_2021_2025.pdf254.5 KB

Federation of Veterinarians of Europe Strategy 2021 –2025 “Veterinarians know, care, and contribute”

Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o