Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 27707
  
cinghiali in cittàEntro il 1 marzo 2022, il Ministero della Salute dovrà emanare il decreto per l'introduzione sperimentale in Italia del vaccino GonaCon.


Nello stato di previsione del Ministero della salute e' stato istituto un fondo di 500mila euro  per l'introduzione in Italia del vaccino immuno-contraccettivo GonaConTM. L'obiettivo della dotazione finanziaria- inserita nella Legge di Bilancio 2022- è di "contrastare e prevenire con efficacia la proliferazione di alcune specie di fauna, per prevenire eventuali danni economici e in caso di accertati squilibri ecologici, in via sperimentale".

Entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della Legge di Bilancio- quindi entro il 1 marzo 2022- il Ministro della salute, con proprio provvedimento, autorizza la sperimentazione in Italia del contraccettivo GonaCon. Attualmente l’importazione di questo vaccino in Italia richiede l’autorizzazione del Ministero della Salute.

Il vaccino iniettabile GonaConTM è stato messo a punto dal National Wildlife Research Center negli USA dove è registrato come contraccettivo per cavalli (Equus caballus), asini selvatici (Equus africanus) e cervi dalla coda bianca (Odocoileus virginianus). Studi americani sono stati condotti per l'autorizzazione nei cinghiali e nei bisonti per il controllo della brucellosi, mentre alcuni studi sperimentali ne stanno investigando l'efficacia anche nei gatti domestici.
In Europa è il National Wildlife Management Center di York (afferente al governo del Regno Unito) a coordinare i progetti che utilizzano GonaCon per il controllo di fertilità della fauna selvatica.

In Italia, le potenzialità applicative della immunocontraccezione sono state analizzate in Umbria nell’ambito del programma di eradicazione dello Scoiattolo grigio Americano (Sciurus carolinensis). In questo contesto, una relazione di Valentina La Morgia e Piero Genovesi (ISPRA) ha presentato vantaggi e svantaggi legati all’utilizzo del GonaCon.
Una relazione del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga riporta dettagiate valutazioni del suo impiego nei cinghiali.

Una valutazione della somministrazione di vaccini immunocontraccettivi è presente anche nel recentissimo Piano nazionale di gestione della nutria, in base alla quale "sono ancora da valutare pienamente la selettivita e l’efficacia a lungo termine della tecnica, che va attualmente considerata in una fase sperimentale di sviluppo".


The Use of GonaCon in Wildlife Damage Management
GonaCon™—Birth Control for Deer: Questions andAnswers
(Aphis-USDA)
Immunocontraception in male feral swine treated with a recombinant gonadotropin-releasing hormone vaccine
(American Association of Swine Veterinarians)

LEGGE 30 dicembre 2021, n. 234
Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2022 e bilancio pluriennale per il triennio 2022-2024
(Comma 705)
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o