Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 28739
  
psa story copyUna storymap interattiva per conoscere l'andamento epidemiologico della malattia, le attività di sorveglianza e la geografia delle zone di restrizione.


La Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari informa che nel portale Vetinfo è consultabile il Bollettino Epidemiologico Nazionale della Peste Suina Africana (PSA), "uno strumento utile ai fini di un costante aggiornamento sull’evoluzione della malattia e sulle conseguenti azioni di controllo e prevenzione da mettere in atto".

Si tratta di un'area interattiva, che contiene una storymap aggiornata della situazione epidemiologica nazionale della malattia. La storymap consente di conoscere anche l’estensione delle zone di restrizione, gli elenchi dei Comuni ricadenti in queste zone e le attività di sorveglianza condotte sia nelle aree in restrizione che nelle aree indenni.

In particolare, è possibile consultare mappe riportanti la localizzazione dei focolai, il dettaglio dell’attività di sorveglianza e la delimitazione delle zone in restrizione, nonché scaricare dati relativi ai controlli effettuati sia sui suini selvatici che domestici, nonché il numero e la distribuzione dei capi risultati positivi, oltre alle informazioni sul patrimonio suinicolo presente nelle zone di restrizione e territori limitrofi.
Sono presenti anche i link ai riferimenti normativi nazionali ed europei aggiornati.

I casi ad oggi- In Italia, il primo caso di PSA si è verificato il 7 gennaio 2022 in una carcassa di cinghiale rinvenuta nel Comune di Ovada, in Provincia di Alessandria. Il 9 giugno scorso la malattia è stata riscontrata per la prima volta in un allevamento suinicolo della tipologia semibrado, a Roma. Il virus riscontrato nella Penisola corrisponde a quello circolante in Europa da alcuni anni ed è geneticamente diverso dal quello circolante in Sardegna. Alla data odierna, il Bollettino rileva 236 casi nei cinghiali e 3 focolai nei suini per un totale di 5 capi domestici.
Dal punto di vista geografico l’ondata di infezione continua a registrare una lieve espansione verso ovest in Piemonte.

Aggiornamenti dal Ministero- Una circolare del 19 settembre scorso ha riferito lo stato dell'arte delle azioni in essere: proseguono le attività di ricerca delle carcasse, gli adempimenti previsti dalle vigenti norme comunitarie nonché dall’Ordinanza commissariale n. 4/2022, con particolare riferimento all’installazione delle recinzioni, alla sorveglianza passiva nel selvatico e nel domestico, alla verifica delle condizioni di biosicurezza degli allevamenti e alla gestione delle popolazioni di cinghiali.

Eradicazione- È stata trasmessa alla Commissione europea l’integrazione al Piano di sorveglianza nazionale PSA 2021/2022 per quanto riguarda le misure di eradicazione nelle regioni Piemonte e Liguria per il 2022. A queste Regioni, la DGSAF ha chiesto di "attuare quanto prima le misure previste dal piano integrato di eradicazione trasmesso con nota DGSAF prot. n. 18714 del 3 agosto 2022. Per quanto riguarda la regione Lazio si sta elaborando la medesima parte relativa all’eradicazione della malattia sul territorio regionale da trasmettere alla Commissione europea.

Elenchi aggiornati- Cessata la validità della Decisione di esecuzione (UE) 920/2022  relativa ad alcune misure di emergenza dopo il caso nel selvatico di Borgo Velino (RI), è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2022/1460 del 2 settembre 2022 in cui sono riportati gli elenchi aggiornati dei Comuni rientranti nelle zone soggette a restrizione in parte I, parte II e parte III del territorio 

Agli Assessorati, il Ministero della Salute raccomanda di "mantenere alto il livello di attenzione attraverso l’implementazione delle attività di sorveglianza previste dal Piano nazionale".

pdfPSA_NOTA_DI_AGGIORNAMENTO.pdf270.89 KB

Peste Suina Africana- Bollettino Epidemiologico Nazionale