Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 25607
  
VET CON CANE E GATTOSenza pagamento tracciabile, il professionista non sarà sanzionato, ma il cliente non potrà detrarre la spesa veterinaria.

Non sarà sanzionato il pagamento senza Pos, ma se vuole detrarre le spese veterinarie il proprietario/cliente dovrà pagare in moneta elettronica o con altro pagamento tracciabile, bonifico e smartphone compresi. Una conditio sine qua non introdotta dalla Legge di Bilancio 2020 che riguarda tutte le spese che danno diritto ad uno sconto Irpef del 19%. Fra queste, ci sono appunto le spese veterinarie, che la stessa legge ha aumentato fino a 500 euro, ma con invarianza di franchigia e quindi con un aumento effettivo massimo di 21 euro. Nel tetto dei 500 euro vanno comprese anche le spese sostenute per l'acquisto di farmaci veterinari.

Non sono cadute le limitazioni in base al reddito. Salvo improbabili sorprese, la Legge di Bilancio che sarà definitivamente approvata lunedì prossimo, le spese veterinarie sostenute da proprietari con redditi fra i 120 e 140mila euro saranno detraibili in misura ridotta fino ad essere cancellate oltre la soglia di reddito di 140mila euro.

Fatturazione elettronica
.-  Il Parlamento ha confermato la proroga per tutto il 2020 delle disposizioni transitorie già vigenti relative alla fatturazione elettronica: "nelle more dell'individuazione di specifiche modalità" le prestazioni rese a persone fisiche, non dovranno essere fatturate in modalità elettronica.

Sanzioni e credito d'imposta- Durante la conversione in legge sono state eliminate le sanzioni per mancata accettazione del pagamento in modalità tracciabile. Inizialmente, il decreto del Governo prevedeva una sanzione da 30 euro, aumentabile in base all'importo, per ogni pagamento rifiutato mediante moneta elettronica.
Confermato invece il credito d’imposta per le commissioni addebitate sulle transazioni effettuate mediante Pos o smarthphone.


E-fattura veterinaria: nel 2020 stesse regole del 2019

Decreto fiscale
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, recante disposizioni urgenti in materia
fiscale e per esigenze indifferibili
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o