Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 27268
  
vet e allevatoriL’iscrizione all’Elenco Pubblico Nazionale dei Veterinari Aziendali è condizione necessaria ed indispensabile per svolgere i compiti previsti dalla legge.

Con la circolare diffusa ieri agli Ordini Veterinari provinciali, la FNOVI ha definito le procedure e le regole di gestione dell'elenco previsto dal DM 7 dicembre 2017, il Decreto che ha istituito e disciplinato la figura del Veterinario Aziendale.

Damanda di inserimento nell'elenco - La FNOVI mette a disposizione un modulo che il Veterinario richiedente dovrà stampare, sottoscrivere e scansionare in un file pdf, da trasmettere all’indirizzo PEC della FNOVI (info@pec.fnovi.it) autocertificando il possesso dei requisiti richiesti e allegando una copia di documento di identità. Per il buon fine della comunicazione, il Medico Veterinario dovrà inviare la documentazione dal proprio account di posta elettronica certificata.

Aggiornamento dell'elenco- In caso di variazioni dello status professionale, i medici veterinari iscritti nell’Elenco saranno invitati, con cadenza annuale dall’iscrizione, ad aggiornare la loro situazione, in particolare- precisa la Fnovi- per  sopraggiunte possibili cause di conflitto di interessi e/o incompatibilità (quale, ad esempio, l’essere dipendente del SSN) che pregiudicano la permanenza in elenco.

Cancellazione dall'elenco- Ladecadenza dei requisiti professionali ricercati e/o le sopraggiunte sanzioni disciplinari per documentate violazioni deontologiche e/o di legge potranno comportare la cancellazione dall’elenco.

Incompatibilità- Con riferimento ai casi in cui i medici veterinari abbiano in corso collaborazioni con la associazioni di allevatori, la circolare della Fnovi ricorda che  “il rapporto tra veterinario ed allevatore è formalizzato attraverso la sottoscrizione da parte di entrambi dello schema di designazione di cui all’allegato 3 al DM 7 dicembre 2017. Ciò a garanzia - come indicato dallo stesso Ministero della Salute- che il veterinario aziendale risponda ed agisca nell’interesse esclusivo dell’Operatore e dell’allevamento".

All'emanazione del Manuale operativo del Veterinario Aziendale,  Il Ministero della Salute ha già avuto modo di precisare che "non esiste un veterinario aziendale dell’Associazione, esiste solo il VA di un operatore". Eventuali rapporti che il VA abbia nell’ambito delle filiere, o delle Associazioni di categoria a cui afferisce l’operatore- ribadisce la Fnovi- " non deve far ritenere ammissibile un qualche ruolo delle filiere o associazioni nell’alimentazione del sistema o addirittura che esse possano influenzarne il meccanismo di categorizzazione”.

Verifiche- L’unico soggetto deputato a verificare il possesso dei requisiti in capo ai richiedenti l'iscrizione in elenco è la Fnovi, la quale si riserva di sviluppare - anche in collaborazione con il Ministero della Salute - ogni verifica che si possa rendere necessaria.

docMODULO_FNOVI_DOMANDA_DI_ISCRIZIONE_ELENCO_VETERINARI_AZIENDALI.doc35 KB

Elenco pubblico nazionale dei Veterinari Aziendali
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o