Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 25855
  
5546826-hand-with-pen-over-blank-vet-prescription-form-with-stethoscope-and-pillsLa British Veterinary Association ha accolto con grande favore la Antimicrobial Resistance Strategy 2013-2018.
Il Governo del Regno Unito ha pubblicato la UK Five Year Antimicrobial Resistance Strategy 2013 to 2018, un piano di lotta quinquennale alle resistenze antimicrobiche che prevede l'azione congiunta in medicina umana e animale sotto la bandiera del principio "One Health". E già questo basta a suscitare il plauso dei veterinari della BVA che evidenziano come la strategia riconosca che la crescente evidenza scientifica suggerisce che i problemi clinici con la resistenza antimicrobica sono principalmente il risultato di uso di antibiotici nelle persone, piuttosto che l'uso di antibiotici negli animali. Certamente, l'uso negli  animali è un fattore importante e contribuisce allo sviluppo delle resistenze resistenza.

La strategia è stata pubblicata congiuntamente da Defra, Dipartimento della Salute,  governo scozzese, gallese e Irlanda del Nord. Essa prevede obiettivi strategici e azioni-chiave future, mutuandole dalle Raccomandazioni della Commissione Europea. Fra queste, il documento affronta anche l'ottimizzazione delle prescrizioni, sia in ambito umano che veterinario.

Sul versante della salute degli animali, gli sforzi  di tutto il settore veterinario e animale hanno portato ad una serie di iniziative per promuovere l'uso responsabile degli antibiotici negli animali. Questi includono: • l'aggiunta, dal Royal College of Veterinary Surgeons (RCVS), di un requisito dentro il 'codice di condotta professionale per i veterinari di utilizzare responsabilmente antimicrobici per ridurre al minimo lo sviluppo di resistenza; valorizzare la RUMA Alliance, un'alleanza, che comprende organizzazioni agricole, veterinari, industria farmaceutica veterinaria, e organizzazioni di vendita al dettaglio, che pubblica una guida all'uso responsabile per ciascuna delle principali specie da produzione alimentare; • pubblicazione da parte della British Veterinary Association, il British Equine Veterinary Association e il British Small Animal Veterinary Association di linee guida di prescrizione' generalespecie 'specifiche; • produzione di 'volantini su un uso responsabile' dalla Federazione dei veterinari europei (FVE) per i veterinari e per il pubblico in generale; l'adozione da parte del British Poultry Council di un divieto volontario sull'uso di alcuni antibiotici considerati di fondamentale importanza per la salute umana nei pulcini di un giorno.
 
"Oltre a misure volte a migliorare le pratiche di prescrizione- ha dichiarato Peter Jones, Presidente BVA - accogliamo con favore l'attenzione per la sorveglianza, le esigenze di ricerca e sviluppo di nuovi farmaci . La strategia riconosce che lo sviluppo di nuovi antibiotici è a alminimo storico, il che è molto vero per il settore della salute degli animali, come pure, l'esigenza di gestire questa tendenza".

"Siamo anche lieti di vedere le dichiarazioni definitive sul fatto che il driver principale per la resistenza agli antibiotici nelle persone è l'uso di antibiotici negli esseri umani , ma siamo pienamente consapevoli della necessità di affrontare la resistenza negli animali . Ecco perché l'approccio ' One Health ' di professionisti medici e veterinari che lavorano insieme sarà cruciale per il successo della strategia . "

pdfUK_5_YEAR_AMR_STRATEGY.pdf422.4 KB


Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o