Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 26508
  
felipeVia libera alla terza Facoltà di Veterinaria della Comunità di Madrid. E' il 14° corso di laurea in Spagna. Il Collegio dei Veterinari di Madrid: "Siamo indignati".

E' approdato al Bollettino Ufficiale della Spagna  il piano di studi quinquennale della nuova Laurea in Medicina Veterinaria presso l'Università Europea di Madrid. Nonostante il rifiuto del Collegio dei Veterinari di Madrid opposto davanti alle autorità accademiche, il progetto corre verso la sua concretizzazione.
Dopo l'approvazione del piano di studi da parte del Consiglio delle Università, e dopo il placet dei Ministri per il riconoscimento del titolo, il nuovo corso di laurea sarà attivo dal 20 settembre 2021. Il sito dell'Università europea di Madrid fornisce già informazioni al riguardo sul suo sito ufficiale.

Secondo il Collegio dei Veterinari di Madrid, l'attivazione del 14° corso di laurea in Medicina Veterinaria è "una assurdità e una sciocchezza assoluta". Il Presidente dei Veterinari, Felipe Vilas, si dice "indignato".

“All'epoca abbiamo avuto diversi incontri con il Ministro della Pubblica Istruzione della Comunità di Madrid, presentando dati e argomentazioni sugli effetti negativi di una nuova Facoltà sulla professione e sulla società madrilena  e nazionale". Trapela delusione dalle parole del Presidente Vilas che ricorda le posizioni collegiali, nelle quali si erano riconosciuti "totalmente" anche esponenti del mondo accademico e della Conferenza dei presidi delle facoltà di veterinaria della Spagna.
L'apertura di questa nuova Facoltà, "non farà che aggravare ancora di più, e soprattutto a Madrid, l'elevato squilibrio tra domanda e offerta di lavoro veterinario"- sostiene il Collegio. Si aggraverà inoltre la precarietà professionale dei Veterinari spagnoli "i cui livelli sono allarmanti", una situazione destinata a peggiorare se si continuerà a concentrare la formazione accademica sulla clinica degli animali da compagnia. "Una circostanza- afferma  Felipe  Vilas- che ci auguriamo non accada".

Ricordando che la creazione di una nuova Facoltà "richiede investimenti elevati e grandi difficoltà nel soddisfare gli standard di qualità nella formazione richiesti dall'Unione Europea", il Presidente Vilas auspica che i vertici dell'Università europea di Madrid "non risparmino sforzi e risorse, in modo che la qualità didattica e dell'ospedale veterinario, siano all'altezza delle esigenze della professione e della società".

Felipe Vilas, foto: animalshealth.es
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o