Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 26840
  
Immagine copy copy copyIl Ministero della Salute fornisce la check list di valutazione del benessere per le bufale da latte. Item "Registro dei trattamenti" e uniformità fra le check list.

Classyfarm è stato aggiornato con la check-list “bufale da latte”. A fornirla, oggi, è la Direzione Generale della Sanità Animale in allegato ad una circolare di aggiornamento sulle check list presenti nella piattaforma (in fase di aggiornamento).
pdfCHECKLIST_CLASSYFARM_BUFALE_LATTE.pdf579.62 KB

Modifiche alle altre check list- Inoltre, con la nota ministeriale inviata oggi alle organizzazioni veterinarie e della produzione, la DGSAF comunica "due modifiche puntuali" che aggiornano anche le altre check-list (vacche da latte a stabulazione libera e a stabulazione fissa, il bovino da carne e il vitello a carne bianca):

1. Registro dei trattamenti- Le modifiche riguardano l'item (numero) della "Tenuta del registro dei trattamenti farmacologici” riportato nelle check list, e la nuova dicitura: "“Il proprietario o il custode ovvero il detentore degli animali tiene un registro dei trattamenti terapeutici effettuati. La registrazione e le relative modalità di conservazione sono effettuate secondo quanto previsto dal decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 119, e successive modificazioni ed integrazioni e dal decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 336. I registri sono conservati per un periodo [...] e sono messi a disposizione dell'autorità competente al momento delle ispezioni o su richiesta".

Il registro dei trattamenti è presente - compilato e conservato per il periodo (5 anni) stabilito dalla normativa vigente- e disponibile per l'ispezione (D. Lgs. 6 aprile 2006, n.193 e D. Lgs. 24 luglio 2007, n. 143). In alternativa, é stata adottata la registrazione informatizzata dei trattamenti su Vetinfo".
Si considera non adeguato: Assenza del registro o delle registrazioni in Vetinfo farmacosorveglianza o la non conservazione per il periodo stabilito.
Si considera adeguato: Presenza e conservazione adeguata.

2. Uniformità delle check list -  Allo scopo di uniformare tutte le check-list per l’autocontrollo viene eliminata, dove riportata, la dicitura: “I limiti indicati sono solamente un ausilio per il valutatore che dovrà comunque considerare tutti i fattori di rischio dell'allevamento prima di esprimere il giudizio”.

Tutte le check-list aggiornate saranno disponibili a breve sulla piattaforma Classyfarm.

ClassyFarm è un sistema informativo finalizzato alla categorizzazione degli allevamenti italiani. È a disposizione di veterinari ufficiali, veterinari aziendali e allevatori per monitorare, analizzare ed indirizzare gli interventi in allevamento secondo la nuova normativa europea in materia di sanità animale e controlli ufficiali.

pdfNOTA_DGSAF_CHECK_LIST_CLASSYFARM.pdf106.52 KB
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o