Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 27268
  
suino e veterinarioIl Ministero della Salute convoca Assessorati DGISAN, Mipaaf e organizzazioni veterinarie per la presentazione del Sistema integrato ClassyFarm.

Si tratta - spiega la Direzione Generale della Sanità Animale nell'odierna convocazione- di "un sistema per la categorizzazione del rischio degli allevamenti che, tra l’altro, contribuisce ad assicurare l’attuazione del decreto del Ministro della salute 7 dicembre 2017", il decreto in vigore dal 5 febbraio scorso concernente il sistema di epidemio-sorveglianza ed i compiti, le responsabilità ed i requisiti professionali del veterinario aziendale.

In base al decreto 7 dicembre 2017, la sorveglianza in sanita' animale e' un elemento chiave "anche al fine della categorizzazione del rischio".
Le autorita' competenti, Ministero Regioni e Asl, sono tenute a considerare la qualita' e completezza dei dati da fornire al Sistema informativo per la epidemio-sorveglianza, previsto dal decreto,  "al fine di semplificare e meglio programmare i controlli ufficiali e assicurare una piu' efficace categorizzazione del rischio della azienda". I dati che concorrono alla categorizzazione del rischio, possono essere raccolti e registrati dal Veterinario Aziendale designato volontariamente dall'Allevatore, "considerato che i veterinari svolgono un ruolo fondamentale nello studio delle malattie e rappresentano un collegamento importante tra gli operatori del settore e l'autorita' competente".

Alla presentazione del Sistema integrato ClassyFarm, convocata per il 2 luglio dal Direttore Generale della Sanità Animale, Silvio Borrello, interverranno anche  il Direttore Generale della Sicurezza degli Alimenti, Gaetana Ferri e il Capo Dipartimento per il coordinamento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. La convocazione è stata inviata oggi a FNOVI, ANMVI e SIVEMP.

ClassyFarm è un progetto del Ministero della Salute, partito da un gruppo pilota di 50 allevamenti suini, i cui primi risultati sono stati illustrati nel corso della scorsa edizione della Fiera Zootecnica di Cremona. L'obiettivo era di sviluppare su base sperimentale un modello operativo di raccolta dati di tipo sanitario, basati su biosicurezza, benessere animale e consumo di farmaci. I rilevamenti sono stati monitorati sugli animali in accrescimento e le lesioni sulle carcasse sono state rilevate in macello e sottoposte ad analisi per antibiotico resistenza.
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o