Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 26720
  
btvLe autorità francesi hanno notificato la conferma di un focolaio di Blue tongue -sierotipo 8 -nelle Regioni centrali della Francia nell’area del Massiccio Centrale.
Lo rende noto la Direzione Generale della Sanità Animale del Ministero della Salute che fornisce indicazioni operative agli assessorati regionali e agli Izs. Questo sierotipo non è attualmente presente in Italia.

Le Regioni- Il Ministero chiede alle Regioni e Province Autonome che "sia assicurato nei tempi e nei modi previsti l’aggiornamento in BDN delle movimentazioni degli animali introdotti negli ultimi 60 giorni dai Dipartimenti francesi interessati dal focolaio", per consentire al Ministero della Salute di individuare tempestivamente- di concerto con il CESME- le aree maggiormente interessate dall’introduzione degli animali e di elaborare eventuali strategie di monitoraggio straordinarie.
Nelle more di ulteriori disposizioni a cura della Direzione ministeriale,  la nota raccomanda, inoltre, di "rafforzare le attività di vigilanza permanente e di effettuare in modo puntuale i campionamenti previsti nell’ambito della sorveglianza entomologica e sierologica" previsti dalla nota (prot. n. 16156 del 18 giugno 2015) recante “Blue tongue – riformulazione del sistema di sorveglianza sierologica” e dal Piano di sorveglianza approvato dalla Commissione europea.

Gli Uffici UVAC dovranno verificare costantemente le spedizioni di animali sensibili dalla Francia al fine di poter escludere introduzioni di partite dai Dipartimenti interessati, forniranno ai servizi veterinari territoriali ogni utile e necessaria assistenza in merito alla tracciabilità degli animali anche ai fini dell’aggiornamento della BDN e assicureranno l’interazione con le Autorità di provenienza francesi, in raccordo con l’Ufficio VIII della Direzione Generale dei Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari.

La Francia ha messo in atto tutte le misure di salvaguardia previste dalla normativa vigente con la definizione delle aree di restrizione di 150 km intorno al focolaio dalle quali vige il blocco delle movimentazioni degli animali vivi. Si tratta dei Dipartimenti Allier, Cantal, Cher, Correze, Creuze, Indre, Loire, Haute-Loire, Nievre, Puy- De-Dome, Rhone, Saone et Loire, Haute Vienne (Zona di Protezione) e Ain, Abeyron, Cantal, Cher, Correze, Cote-D’or, Creuze, Indre, Loir et Cher, Loire, Haute-Loire, Loret, Lozere, Nievre, Puy-De-Dome, Rhone, Saone et Loire, Vienne, Haute Vienne e Yonne (Zona di sorveglianza). Il dettaglio dei Dipartimenti coinvolti è disponibile sul sito web della Commissione europea.

Sono in corso ulteriori approfondimenti diagnostici ed epidemiologici da parte delle Autorità francesi, che ne renderanno noti gli esiti.

pdfNOTA_DELLA_DGSAFV_BTV8_FRANCIA.pdf20.71 KB

Approfondimenti Sistema Informativo Blue Tongue
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o