• Utenti 11
  • Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 31306
ALLA CAMERA

Proroga ricetta elettronica: primo sì ed emendamento

Proroga ricetta elettronica: primo sì ed emendamento
Parere favorevole della XII Commissione Affari Sociali alla proroga della ricetta elettronica al 1 gennaio 2019. Il via libera è proposto della relatrice di maggioranza On Mara Lapia (M5S). La deputata veterinaria Doriana Sarli: la somministrazione di medicinali agli animali di compagnia "non ha conseguenze per la salute umana". Emendamento di FDI per un ulteriore rinvio dell'obbligo.

E' un parere consultivo quello che la XII Commissione Affari Sociali si appresta ad emanare sulla proroga al 1 gennaio 2019 dell'obbligo di prescrizione veterinaria in formato elettronico. Ieri la relatrice di maggioranza On Mara Lapia (M5S) ha proposto ai deputati della Commissione di esprimersi a favore del rinvio, essendo "ancora in corso di emanazione il decreto del Ministro della salute relativo al modello di ricetta elettronica".

Il parere, una volta licenziato dalla XII Commissione, sarà trasmesso alle Commissioni di merito (I Affari Costituzionali e V Bilancio), dove sono è stato contemporaneamente depositato un emendamento per un ulteriore rinvio al 1 luglio 2019.

La discussione in Commissione Affari Sociali- Come già accaduto in Senato, sulla ricetta elettronica ci sono stati interventi critici, non sempre aderenti ai termini della questione. L'On Elena Carnevali (PD), sottolineando l'esigenza di trovare "una pronta soluzione"  ha motivato questo obiettivo con lo scopo di "rispettare la normativa europea e di garantire una piena tutela della salute della popolazione"; dal canto suo l'On Dario Bond (FI) ha affermato di "non comprendere le ragioni della scelta, al di là del lieve slittamento della decorrenza, dell'obbligo della ricetta elettronica anche per i medicinali veterinari utilizzati per la cura degli animali da compagnia", osservando che "tali medicinali non sono rimborsati dal Servizio sanitario nazionale" e quindi "giudica un inutile aggravio procedurale tale previsione".
Bond ha quindi sottolineato che l'obbligo  andrebbe limitato all'utilizzo negli animali d'allevamento "al fine di prevenire abusi con gravi conseguenze per la salute umana". Ha infine aggiunto che "l'esclusione della ricetta elettronica per i medicinali destinati agli animali da compagnia corrisponde anche a una richiesta avanzata dall'Ordine dei veterinari".

Intervenendo sul tema dei medicinali veterinari, Doriana Sarli (M5S) ha precisato che "non possono essere venduti on line e che, in generale, sarebbe opportuno svincolare dall'obbligo della ricetta veterinaria la somministrazione di medicinali per gli animali di compagnia in quanto, a differenza di quanto avviene per gli animali di allevamento, essa non ha conseguenze per la salute umana".

Emendamento in  Commissioni riunite - Nove deputati (On Maria Cristina Caretta (FDI)- Prisco, Donzelli, Crosetto, Rampelli, Lucaselli, Lollobrigida, Ciaburro, Luca De Carlo) hanno sottoscritto un emendamento per un ulteriore rinvio dal 1 gennaio 2019 al 1 luglio 2019 della prescrizione elettronica sia dei farmaci veterinari che dei mangimi medicati.

Iter- Il Parlamento dovrà convertire in legge il Milleproroghe, pena la sua decadenza, entro il 26 settembre. Il voto finale in Aula è calendarizzato dall'11 settembre. Per allora le Commissioni consultive e referenti dovranno avere concluso l'esame del provvedimento. In sede referente sono stati depositati 596 emendamenti sull'intero articolato.

Milleproroghe, ANMVI all'On Bond: no a strumentalizzazioni
Ricetta elettronica: la proroga passa alla Camera

IL MILLEPROROGHE ALL'ESAME DELLA CAMERA
"Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 luglio 2018, n. 91, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative".
IL MILLEPROROGHE PRESENTATO DAL GOVERNO
Decreto Legge 25 luglio 25 luglio 2018, n. 91  - Proroga di termini previsti da disposizioni legislative.