Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 27268
  
PIG FEEDORLa FVE appoggia il modello di prescrizione veterinaria proposto dal Consiglio Europeo per i mangimi medicati. Bene responsabilizzare anche gli allevatori. Vietare i campioni promozionali è "in linea con le buone prassi veterinarie e l'uso prudente di antibiotici". No alla produzione di medicati nei cani e nei gatti.


Sono in pieno svolgimento i negoziati sui nuovi Regolamenti sui farmaci veterinari e sui mangimi medicati. La Federazione dei Veterinari Europei (FVE) - che ha già incontrato responsabili decisionali dell'UE e ha ancora in agenda una serie di incontri- aggiorna sulle ultime posizioni espresse in fatto di mangimi medicati.

Modello di ricetta- La FVE apprezza gli sviluppi del Consiglio Europeo sul modello (template) di prescrizione veterinaria per i mangimi medicati. La Federazione dei Veterinari Europei sostiene anche la previsione di assegnarle una validità massima alla ricetta (di 5 giorni  per i Medicated Feed (MF) con antibiotici, mentre per i MF con farmaci diversi dagli antibiotici la durata massima è di 3 settimane in caso di  animali produttori di alimenti e di 6 mesi per gli animali non dpa);  e una durata di 2 settimane per i MF con antibiotici e di 1 mese per gli altri.

Premiscele- Piace alla FVE anche la proposta del Consiglio (Allegato V) relativa alla prescrizione veterinaria delle premiscele utili alla preparazione di un mangime medicato, anche se la FVE ha sollevato dubbi di praticità rispetto ad alcuni requisiti come ad esempio l'indicazione (nome e numero di AIC) del farmaco veterinario e della corrispondente sostanza farmacologicamente attiva. Per contro, la FVE ribadisce che la prescrizione veterinaria dovrebbe comprendere alcune informazioni come il rapporto fra 1kg/premiscela e la quantità/ton di mangime oppure - in alternativa-  la sostanza farmacologicamente attiva (quantità per unità di peso di mangime medicato)

Allevatori- Bene anche l'articolo aggiuntivo del Consiglio che sottolinea la responsabilità degli allevatori in relazione ai mangimi medicati e che "rappresenta un ulteriore passo avanti" secondo la FVE che sottolinea l'importanza sia per i veterinari che per gli allevatori di disporre di buoni sistemi di raccolta dei prodotti non utilizzati e scaduti.

AMR- Quanto alla lotta all' Anti-Microbial Resistance (AMR) "l'impiego a scopo profilattico di alcuni prodotti contro i microrganismi è giustificato dalla letteratura scientifica veterinaria, ad esempio nel caso di vaccini e di antiparassitari"", ma la FVE resta del parere che i mangimi medicati con antibiotici "non debbano essere usati a scopo di profilassi." Netta contrarietà, da parte della FVE- anche sulla "produzione anticipata" (articolo 8 del Regolamento),  in quanto "contraria ai principi di uso responsabile", ma anche perchè "può mettere a rischio il controllo e la qualità dei medicinali veterinari a shelf-life limitata".

Se l'assunto è che medicinali e  medicati devono essere prescritti e utilizzati in modo responsabile, allora la prescrizione veterinaria deve esser redatta "esclusivamente da un medico veterinario", solo "dopo una visita veterinaria -o comunque una adeguata valutazione dello stato di salute degli animali sempre a cura del veterinario che emetterà la diagnosi". Tutto questo assume una rilevanza particolare per quanto riguarda gli antibiotici veterinari, per alcuni dei quali "è necessario un test di sensibilità" per una appropriata scelta dell'antibiotico.

Pubblicità dei medicinali veterinari-  "E' importante che qualsiasi pubblicità fornisca informazioni corrette e rivolte al pubblico appropriato". La FVE approva dunque la proposta del Consiglio relativamente ad un articolo ad hoc (10 bis)  "in linea con i principi di promozione responsabile e le migliori pratiche veterinarie". La Federazione sottolinea che la pubblicità "dovrebbe essere rivolta solo ai veterinari" e che "dovrebbe essere  vietata la distribuzione di campioni a fini promozionali".  Questo articolo aggiuntivo è appoggiato da FVE.

Definizioni di legge- Il Consiglio Europeo ha adottato nel Regolamento sui Mangimi Medicati  le definizioni di "medicinale veterinario", "tempo di sospensione", "antimicrobico", "antibiotico", "metafilassi", "profilassi", "principio attivo" e "riassunto delle caratteristiche del prodotto" (SPC) presenti nel Regolamento sui Medicinali Veterinari. Apprezzata dalla FVE la sostituzione del termine "carry over" con "cross contamination"

Cani, gatti e animali da pelliccia- Infine, la FVE accoglie con favore l'inclusione degli animali da pelliccia nel Regolamento e il riconoscimento che anche gli animali non produttori di alimenti rientrano nel rischio di antibiotico-resistenza per la salute pubblica degli antimicrobici.  Ma, "in generale e per molteplici ragioni, la professione veterinaria non è favorevole alla produzione e all'uso di mangimi medicati per cani e gatti".








FVE recommendation: trialogue on Regulation on Medicated Feed
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o