Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 25868
  
allevatore orNel corso della recente General Assembly, la FVE ha adottato un position paper sulla relazione fra antibiotici e benessere degli animali allevati. Il documento sostiene che non c'è alcun conflitto tra l'uso responsabile e prudente degli antibiotici e il benessere degli animali. Anzi.

Il documento di posizione Relationship between animal welfare and the use of antibiotics in food animals approvato il 3 giugno scorso durante i lavori della General Assembly di Marche en Famenne (Belgio)
sosotiene che l'uso responsabile e prudente rientra nel miglioramento dell'allevamento animale,  nel contesto del miglioramento delle condizioni di biosicurezza e igiene, riducendo la frequenza delle infezioni batteriche e quindi la necessità di trattamento antibiotico corretto dopo la diagnosi.

L'introduzione di misure di welfare può anche ridurre lo stress e quindi la suscettibilità alle infezioni. Le autorità competenti, la professione veterinaria e medica, i proprietari di animali e il pubblico devono essere tutti consapevoli dell'importanza di usare gli antibiotici in modo responsabile. Nel suo position paper, la FVE elenca alcuni metodi per ridurre la frequenza d'uso di antibiotici negli animali:

a) La produzione animale non deve dipendere dall' uso di antibiotici. Tuttavia, se gli animali si ammalano, il trattamento va somministrato in modo compatibile con un uso responsabile. Tale uso deve avvenire in parallelo ad una buona gestione e alimentazione, così da prevenire le malattie enteriche e mantenere un alto livello di biosicurezza esterno ed interno negli allevamenti, in grado di far sì che la pressione del rischio di infezione sia mantenuta ad un livello minimo.

b) l'uso di routine degli antibiotici come profilassi dovrebbe essere gradualmente eliminato e, in prospettiva, completamente dismesso. La prevenzione delle malattie deve essere basata su corrette pratiche di allevamento abbandonando l'uso di antibiotici contro le infezioni batteriche attese in alcune fasi di vita degli animali produttori di alimenti.

c) La metafilassi - ovvero il trattamento di un intero gruppo di animali dopo che in  alcuni animali di essi viene diagnosticata la malattia - deve essere fatta solo sotto controllo veterinario diretto, quando c'è una diagnosi definitiva o il forte sospetto professionale di una malattia altamente contagiosa. La metafilassi deve sempre essere complementare ad altre misure per la prevenzione delle malattie quali il miglioramento della biosicurezza.

d) Per quanto possibile, il trattamento orale di interi gruppi di animali (gregge- mandria) deve essere auspicabile. Al contrario, dovrebbe tendere al trattamento e alla cura mirati per animali singoli o piccoli gruppi separati. In questo modo la quantità di sostanze antibiotiche attive può essere mantenuta al minimo, pur affrontando l'infezione dove necessario.

e) migliorare lo stato di salute degli animali con tutte le misure conosciute che hanno dimostrato di prevenire l'insorgenza e la diffusione di malattie degli animali batteriche. Questo include regolari visite veterinarie, dove il veterinario insieme con il suo cliente elabora un piano sanitario efficace, comprese le pertinenti misure di biosicurezza, la vaccinazione, buon alloggio, una buona gestione, l'alimentazione, misure di welfare positive. Il valored degli animali allevati è ancora in larga misura calcolato sulla produttività degli animali. Gli allevatori dovrebbero essere incoraggiati a darsi obiettivi di salute e longevità, tra cui la resistenza alle malattie, e non solo la produttività, per ridurre la necessità di un trattamento antibiotico.
Si deve onoltre prestare attenzione ad evitare la diffusione della malattia durante il trasporto o la promiscuità di animali.

Il grado di riduzione di antibiotici, senza conseguenze sul benessere degli animali, sarà diverso da territorio a territorio. Questo dipende da fattori quali le specie animali, lo stato sanitario di quel territorio,  le condizioni climatiche, i programmi di vaccinazione e anche il tipo di organizzazione del settore in questione. Per raggiungere l'obiettivo, il monitoraggio e l'analisi comparativa dei sistemi nelle aziende agricole e alla macellazione dovrebbe includere i parametri di salute e benessere, nonché il monitoraggio dei consumi di antibiotici e delle resistenze. La professione veterinaria europea è ben equipaggiata per promuovere tali meccanismi.

Esempi di sforzi di riduzione in Europa si sono fatti con successo dove l'uso di antibiotici negli animali è stato notevolmente ridotto senza influenzare negativamente il benessere degli animali e senza compromettere l'efficienza della produzione di alimenti di origine animale  (es Svezia, Danimarca, Germania, Paesi Bassi e altri Paesi).
Questo avvalora e dimostra l'associazione virtuosa che può innescarsi fra  benessere degli animali e la riduzione dell'uso di antibiotici. Gli animali che sono ben curati e adeguatamente gestiti, saranno meno inclini alle infezioni e avranno bisogno di meno antibiotici. In altre parole, più successo avranno le azioni volte a migliorare la salute e il benessere degli animali, più successo avranno gli sforzi di ridurre l'uso di antibiotici e di frenare la resistenza batterica negli animali produttori di alimenti.


Uno dei compiti principali che la FVE si è data è di mantenere un collegamento costante con i responsabili politici istituzionali dell'Unione Europea e di accreditarsi come stakeholder autorevole e stabile, per influenzare il processo decisionale comunitario. I position paper, come quello votato la scorsa settimana a Marche en Famenne, concorrono allo scopo. Tutti i position paper della FVE sul benessere animale sono consultabili qui.

---------------------------

Relationship between animal welfare and the use of antibiotics in food animals
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o