Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 27157

Le pubblicazioni riprenderanno con regolarità da settembre 

  
covid vaxL'Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) e la World Veterinary Association (WVA) si uniscono per incoraggiare i Paesi di tutto il mondo a vaccinare i Medici Veterinari contro COVID-19. Pur essendo al servizio della comunità sanitaria e lavorando sull'interfaccia uomo-animale, in molti Paesi non ricevono il vaccino. Appello per il coinvolgimento dei Medici Veterinari nelle strategie nazionali contro la pandemia.

Nonostante il prezioso supporto alla risposta all'emergenza sanitaria e all'economia, in alcuni paesi i Veterinari sono stati esclusi dall'accesso alle vaccinazioni prioritarie. Per questo, l'Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE) e la World Veterinary Association (WVA) chiedono ai paesi di considerare i veterinari fra i professionisti prioritari per la vaccinazione COVID-19 nelle loro strategie nazionali e campagne di vaccinazione.

Perchè inserire i Medici Veterinari nelle strategie nazionali contro la pandemia:
-  i veterinari hanno le capacità e le competenze per supportare le strategie nazionali di risposta al COVID-19, compresa la somministrazione di vaccini agli esseri umani e l'analisi di campioni umani;
-  le catene di produzione alimentare continuano ad essere attive grazie ai Veterinari, "personale fondamentale" per garantire la produzione animale e la sicurezza alimentare;
-  le strategie nazionali di gestione del rischio possono contare sui Veterinari in relazione a specie animali d'allevamento (come visoni e altri mustelidi) e a specie selvatiche altamente suscettibili al SARS-CoV-2.

Attraverso l'inclusione dei veterinari nei gruppi di accesso prioritario alla vaccinazione, i paesi possono dare una risposta coordinata "One Health" alla crisi COVID-19.

Cosa hanno già dimostrato i Medici Veterinari - La pandemia di COVID-19 ha spinto la comunità internazionale a riconsiderare come gli operatori sanitari possono affrontare le emergenze della malattia in modo più coordinato. Poiché i sistemi sanitari umani in tutto il mondo sono sottoposti a pressioni continue, i Veterinari hanno offerto le loro capacità e competenze per aiutare a combattere la pandemia.

Questa collaborazione tra i settori della salute animale e umana "è un ottimo esempio di attuazione dell'approccio One Health, poiché riconosce la necessità di unire le forze e le capacità su obiettivi di salute comuni condivisi sia dai settori della salute umana che da quelli della salute animale"- affermano OIE e WSAVA.

Mentre alcuni veterinari hanno supportato i test sui campioni umani, altri hanno fornito agli operatori sanitari dispositivi di protezione individuale e respiratori salvavita. Ricercando le origini di COVID-19 e conducendo la sorveglianza passiva degli animali, in particolare quelli altamente suscettibili al SARS-CoV-2 (come il visone e altri mustelidi), i veterinari hanno anche contribuito alla comprensione del mondo di questo virus complesso.

Oltre ai loro numerosi contributi alla risposta globale al COVID-19, i veterinari si sono impegnati a perseguire la loro missione quotidiana per garantire la salute e il benessere degli animali, nonché la salute pubblica. "Questa poliedrica professione ha svolto un ruolo chiave nel garantire la sicurezza continua delle catene di produzione alimentare, un accesso sufficiente al cibo e la sicurezza degli animali commercializzati e dei prodotti animali in tutto il mondo dall'inizio della crisi"- affermano le organizzazioni mondiali.

Countries must prioritise veterinarian access to COVID-19 vaccines
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o