Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 27733
  
photo hemicycleUna posizione priva di evidenze scientifiche e che mette a rischio l'uso di antibiotici salva-vita per gli animali. E' questo il succo della mozione Hausling approvata ieri a Bruxelles con il voto favorevole di tre eurodeputate italiane. A differenza della Commissione Europea, la mozione non riconosce che gli antimicrobici sono "essenziali" anche per gli animali.  ANMVI ringrazia gli europarlamentari che hanno votato contro. La FVE annuncia iniziative per la plenaria di Strasburgo.


Delusione e sconcerto fra i Medici Veterinari di tutta Europa per il voto di ieri in Commissione ENVI (Salute e Ambiente) del Parlamento Europeo, dove è stata approvata una mozione (cd mozione Hausling) che punta a negare i trattamenti antibiotici per le infezioni gravi e potenzialmente letali negli animali, sia degli allevamenti che da compagnia.

In Italia, l'ANMVI fa notare in un comunicato stampa che la mozione è stata approvata anche con il voto favorevole di tre eurodeputate italiane: Simona Bonafè, Alessandra Moretti, Eleonora Evi.

La Veterinaria Europea aveva raccomandato agli eurodeputati della Commissione ENVI di  respingere la mozione dell’eurodeputato tedesco Hausling perché del tutto priva di basi scientifiche e viziata da grossolani errori di valutazione del rischio. L’ANMVI si era appellata in particolare agli eurodeputati italiani spiegando la gravità della posta in gioco.

Il risultato del voto di ieri è invece l’azzeramento della posizione della Commissione Europea che individuava- con fondatezza scientifica ed equilibrio one health- i casi in cui riservare gli antimicrobici prioritari alle cure umane, senza però negare agli animali la possibilità di essere trattati con gli antimicrobici “essenziali” per la loro salute e per la loro stessa salvezza.

ANMVI ringrazia gli eurodeputati italiani che hanno respinto la mozione Hausling: Fulvio Martuscello, Simona Baldassarre, Marco Dreosto, Silvia Sardone, Annalisa Tardino, Sergio Berlato, Pietro Fiocchi, Giuseppe Milazzo. Purtroppo i loro voti non sono bastati. L’auspicio dell'ANMVI è che la plenaria dell’Europarlamento rimedi ad una clamorosa negazione del Trattato di Lisbona per il quale gli animali sono “esseri senzienti”.

La FVE annuncia iniziative per la plenaria di settembre. Insieme ad EPRUMA, la Federazione dei Veterinari Europei ha firmato un comunicato in cui chiede di non anteporre fini politici alle evidenze scientifiche.

In ENVI convinzioni obsolete e pericolose per gli animali
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o