Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 25991
  
cuccioli canimodificataMeno patologie infettive nei cani sterilizzati. La scoperta è di un nuovo studio dell'Università della Georgia. I risultati dell'indagine sono descritti in un articolo pubblicato sulla rivista Plos One e suggeriscono che il cane che vive di più è quello sterilizzato. Lo studio ha esaminato un campione di 40.139 decessi registrati nel database delle Facoltà di veterinaria del Nord America dal 1984 al 2004.
L'età media di morte per i cani non sterilizzati è 7,9 anni contro i 9,4 anni dei cani sterilizzati.

Dall'indagine è emerso che la sterilizzazione altera le percentuali di rischio di diverse malattie. I cani non sottoposti ad una gonadectomia hanno maggiori probabilità di morire per infezioni o traumi mentre i cani sterilizzati hanno più possibilità di morire di cancro e di malattie autoimmuni. Nei cani interi, alcuni degli ormoni riproduttivi, in particolare il progesterone e il testosterone, possono sopprimere la funzionalità normale del sistema immunitario, aprendo la strada alle malattie infettive.

La ricerca delinea un quadro di riferimento per i possessori di cani: se il cane è sterilizzato bisogna aumentare i controlli relativi al cancro e alle malattie autoimmuni, in caso contrario sarà necessario tenere alta la guardia su malattie infettive e traumi. (AGI) .

Approfondimento sul Vet-Journal

Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o