Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 25748

Le pubblicazioni riprenderanno con regolarità da settembre 

  
dograbiesorDal 14 febbraio non sussiste più l'obbligo di vaccinazione per i cani i gatti e i furetti diretti verso i territori delle Regioni Friuli Venezia Giulia, Veneto e Province Autonome di Trento e Bolzano. Il chiarimento arriva dalla Direzione Generale della Sanità Animale. Italia ufficialmente indenne grazie ai Medici Veterinari.
A fugare ogni dubbio sulla decadenza dell'obbligo di vaccinazione degli animali domestici è la nota che il Ministero della Salute inoltra oggi all'ANMVI. Decade l'obbligo vaccinale anche per i cani e gli animali domestici condotti in alpeggio residenti nel Nord Est.

La riconquista dello status di indennità è il risultato di un piano di intervento vaccinale e di epidemiosorveglianza avviato dal Ministero della Salute e dalle autorità sanitarie territoriali dal 2008. "Le misure adottate hanno portato l'eradicazione della malattia e ai sensi delle norme OIE, ltalia ha riacquisito lo status di indennità da rabbia ( v. lo storico dei report dell'Italia all'OIE)

Un traguardo raggiunto grazie ad un esteso piano di vaccinazione orale antirabbico nelle volpi e l'obbligo di vaccinazione dei cani presenti nelle zone a rischio e degli animali condotti al pascolo in diversi parti dei territori del Nord Est d'Italia. Per attuarlo, l'Italia ha ricevuto il sostegno finanziario dall'Unione Europea; in questi anni, le amministrazioni territoriali hanno parzialmente coperto i costi delle vaccinazioni obbligatorie negli animali domestici, che sono state eseguite anche con il concorso di risorse economiche private.

I piani di prevenzione sono stati efficacemente attuati nei territori interessati con la collaborazione del centro nazionale di referenza presso l'Istituto Zooprofilattico di Padova e dai veterinari sia pubblici che privati.

Nonostante la favorevole situazione epidemiologica l'Italia manterrà un piano di vaccinazione nelle volpi nella Regione Friuli Venezia Giulia, lungo il confine italo-sloveno, in considerazione del permanere della situazione di rischio nell'area balcanica.

pdfRISPOSTA_DELLA_DGSAFV.PDF75.27 KB
Utilizzo dei cookie: Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?
Leggi l'informativa o