• Utenti 10
  • Articoli pubblicati dal 4 novembre 2001: 31064
#NONCIGARBA

Lavoro Autonomo: tre passi falsi nel DDL Renzi

Lavoro Autonomo: tre passi falsi nel DDL Renzi
Confprofessioni mobilita i professionisti: diciamo che il DDL sul Lavoro Autonomo #NonCiGarba. Chieste al Governo tre modifiche che peggiorerebbero il quadro delle tutele dei lavoratori autonomi: minori garanzie di salute, tempi lunghi per esigere il pagamento dai clienti e agevolazioni fiscali vincolate.

Al testo del Disegno di Legge per lo Statuto del lavoro autonomo vanno apportate almeno tre modifiche. Le chiede Confprofessioni che ha lanciato l'hashtag #NonCiGarba. "E' una legge che abbiamo subito valutato positivamente e che continuiamo a sostenere- dichiara Confprofessioni- riferendosi all'accesso ai fondi europei previsto dalla Legge di Stabilità. Ma ci sono tre modifiche che devono essere ritirate.

La prima è la cancellazione della tutela dalla malattia grave-  Su questo punto Confprofessioni rilancia una petizione che ha già il sostegno di 86.000 firme: lavoratori autonomi, ma anche dipendenti, pensionati, cittadini italiani che pensano che davanti al tumore e a malattie gravi lo Stato non possa dividere fra cittadini di serie A e di serie B.
Nelle precedenti versioni del Disegno di Legge si stabiliva che «I periodi di malattia certificata come conseguente a trattamenti terapeutici delle malattie oncologiche sono equiparati alla degenza ospedaliera.» Un comma che aveva due conseguenze: permetteva di pagare di più i giorni impegnai in queste terapie; allungava da 61 a180 i giorni di copertura della degenza domiciliare riconducibili a queste terapie. Perché è scomparso? Non possiamo accettare che la motivazione sia la carenza di risorse, peraltro non ingenti, dato che la platea di interessati è fortunatamente ristretta, dichiara Confprofessioni.

"Non vogliamo continuare ad essere le banche dei nostri clienti"- nella precedente stesura del DDL si definiva clausola abusiva un termine di pagamento superiore ai 60 giorni, ora si passa a 90- fa notare Confprofessioni che ricorda che "esiste già una legge che fissa a 30 giorni il tempo massimo per il saldo delle fatture, ma è sempre stata ignorata. Ciò che ci attendiamo dallo Statuto è che finalmente sia operativo e vincolante: 60 giorni per essere pagati sono tanti, perché fare marcia indietro e dilatare ulteriormente questo limite a 90 giorni?"

No all'introduzione di vincoli per formazione orientamento-Infine, sulla formazione Confprofessioni chiede che "non si faccia marcia indietro dal principio che era presente nel DDL e che noi abbiamo sostenuto senza riserve: la formazione deve poter essere decisa dal lavoratore in autonomia e deducibile sino ad un massimo di 10.000 euro annui. Ora per alcuni servizi si vincola all’accreditamento dell’ente erogante la possibilità di deducibilità". (fonte)

Ecco la bozza non ufficiale del DDL Lavoro Autonomo
Crediti e spese professionali: più tutele con il DDL sul lavoro autonomo