Lunedì, Aprile 27, 2015
[
15:17 Salute: il vapore diventa show con il 'maestro di sauna', 350 in Italia   -    15:06 Salute: passione tattoo, senza regole in agguato epatite C   -    13:26 Salute: 'made in Italy' zucchero biotech che non fa ingrassare   -    09:15 Sport: training moltiplica tossine, fritto, pesce e finocchi alleati sportivi   -    20:05 Bellezza: febbre del ritocco contagia lui, +10% l'anno richieste interventi   -    12:40 Bellezza: guerra alla cellulite, 2 donne su 3 in ritardo nei trattamenti   -    20:05 Salute: italiani tecnostressati, per loro insonnia e mal di stomaco   -    16:07 Ricerca: in arrivo robot chef che può preparare 2 mila piatti   -    15:18 Salute: abbronzati senza rischi, al via nelle scuole del Lazio 'Sole Sicuro'   -    12:53 Sesso: la teoria, piacere femminile legato all'idratazione   -    
]
SPERIMENTAZIONE
LABMOUSEIl Presidente SIVAL Massenzio Fornasier partecipa oggi alla conferenza stampa che riunisce i direttori scientifici di cinque istituti di ricerca. Si tengano presente anche i diritti dei malati.
Intervengono: Ferdinando Cornelio, Direttore Scientifico Fondazione Istituto Neurologico 'Carlo Besta', Silvio Garattini, Direttore Istituto di Ricerche Farmacologiche 'Mario Negri', Pier Mannuccio Mannucci, Direttore Scientifico Fondazione Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Pier Giuseppe Pelicci, Co-Direttore Scientifico Istituto Europeo di Oncologia, Marco Pierotti Direttore Scientifico Fondazione Istituto Nazionale Tumori.

Mentre è vivo il dibattito in Italia sulla sperimentazione scientifica, ricercatori, medici e veterinari richiamano l'attenzione dei media e dell'opinione pubblica a considerare sotto una luce più equilibrata la discussione in atto per il recepimento della Direttiva Europea 63/2010, senza trascurare le ragioni della libertà di ricerca e dei diritti dei malati.

La sperimentazione clinica è la tappa successiva agli studi sulle cellule e negli animali per stabilire gli effetti benefici e tossici non solo dei farmaci ma anche dei dispositivi medici (pace-maker, defibrillatori, organi artificiali, stent, ecc.) e dei componenti nutrizionali. Questo è il percorso che garantisce al paziente di ricevere un trattamento il più possibile sicuro che non sia causa di ulteriore peggioramento delle sue condizioni. Ma dalla sperimentazione clinica è spesso necessario ritornare a quella animale per ottimizzare i trattamenti. Tutte le sostanze antitumorali sono state studiate nel topo. Ma dopo i primi studi clinici, può esser necessario ritornare nel topo per stabilire, ad esempio, quali siano le migliori associazioni tra i farmaci disponibili.

E' di queste ore l'ennesimo studio riportato dalla letteratura scientifica internazionale sull'identificazione di un nuovo marker per i carcinomi polmonari a seguito di studi sui topi, grazie ad un gruppo di ricerca del Consiglio nazionale delle ricerche (Ieos-Cnr) di Napoli. Il lavoro e' pubblicato sulla rivista The Journal of Clinical Investigation. La letteratura medica pubblica ogni giorno - senza alcun risalto mediatico- le conquiste della ricerca antitumorale, come su altre gravi patologie ancora senza adeguate risposte di cura.

Oggi più del 95% degli esperimenti viene eseguito in topi e ratti. E' l'impiego degli animali si è ridotto in questi ultimi decenni per merito degli sviluppi tecnologici che permettono di seguire con metodi non invasivi l'andamento di una malattia e l'efficacia delle terapie. Oggi grazie alle tecniche di ingegneria genetica si possono ottenere nel topo modelli di malattie umane su cui studiare l'effetto dei farmaci, una tappa necessaria prima della sperimentazione clinica nell'uomo.

Ma il ricorso a modelli alternativi agli animali non è sempre possibile, come affermano l'Istituto Superiore di Sanità e  il Centro di Referenza per i metodi alternativi presso l'Izsler di Brescia.

Di qui l'impegno a ridurre al minimo la sofferenza animale, l'Italia è uno dei Paesi più avanzati da questo punto di vista. La legislazione italiana, tra le più severe del mondo, prevede che debbano essere adottate tutte le precauzioni affinchè sia evitata qualsiasi sofferenza agli animali che entrano in sperimentazione. Valga la considerazione che un animale che soffre è fonte di risultati non attendibili: quindi è nell'interesse del ricercatore stesso studiare animali in condizioni ottimali.

ATTUALITA'

  • Accertamenti sull'accesso di animali con conchectomia +

    In seguito all'esposizione canina di Ferrara, la dottoressa Chiara Berardelli della Asl territoriale dettaglia in una nota i riscontri avuti >>>
  • Positivo a cosa? Clenbuterolo."Sono sconvolto" +

    EXPO? "Una grande occasione che Report coglie per sei puntate a partire da questa domenica per trattare i temi della >>>
  • Passaporto bovino addio, MinSal: semplificazione e tracciabilità +

    "L'innovazione tecnologica semplifica e migliora la tracciabilità". Comunicato del Ministero della Salute sull'abolizione dal 1 maggio della documentazione cartacea. >>>
  • Il benessere animale sia incluso nella Carta di Milano +

    L'occasione per questa sollecitazione è stata l'intervento di ieri del Ministro Maurizio Martina, ' in Senato sulla stesura della "Carta di >>>
  • Almalaurea, quella in Veterinaria è ancora una laurea povera +

    Nel XVII Rapporto AlmaLaurea la condizione occupazionale dei laureati in veterinaria continua ad essere sostenuta dalla libera iniziativa professionale. >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

EDITORIALE

  • La Medicina narrativa +

    I medici veterinari comportamentalisti, prima ancora del suo avvento, hanno anticipato la medicina narrativa. >>>
  • Non è un Paese per professionisti +

    Senza usare tanti giri di parole, la classe politica italiana ha voltato le spalle ai professionisti e al lavoro autonomo intellettuale. >>>
  • La complicazione ci piace di più +

    Tra i fattori che influiscono sulla competitività di un Paese vanno considerati anche i controlli che le imprese subiscono da >>>
  • Un nuovo modello organizzativo per la prevenzione? +

    Con l'approvazione del Patto per la salute 2014-2016, viene confermata dall'accordo Stato-Regioni la  tendenza che, da alcuni anni, caratterizza la >>>
  • Patto della Salute, complessità delle strutture e qualità dei servizi +

    In Europa la sorveglianza sanitaria finalizzata alla sicurezza alimentare si muove a macchia di leopardo per le diverse sensibilità e >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

REGIONI

  • UMBRIA, ELENCO LABORATORI DI ANALISI PER LE IMPRESE ALIMENTARI +

    DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE 2 aprile 2015, n. 1993.
    D.G.R. n. 1871 del 20 dicembre 2010. Elenco regionale dei laboratori aventi sede operativa >>>
  • UMBRIA, LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE DEGLI ANIMALI DURANTE L'ABBATTIMENTO +

    DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE 25 marzo 2015, n. 1700. Recepimento Linee guida e indirizzi operativi vincolanti in applicazione del Regolamento (CE) n. 1099 >>>
  • LOMBARDIA, AGGIORNAMENTO REGISTRO LABORATORI D'ANALISI +

    D.d.s. 20 aprile 2015 - n. 3087 Aggiornamento del registro della Regione Lombardia dei laboratori che effettuano analisi nell'ambito delle procedure di >>>
  • PIEMONTE, SOMME INCASSATE PER I CONTROLLI SANITARI 2014 +

    D.D. 16 aprile 2015, n. 243
    Pubblicazione sul  B.U. della Regione Piemonte dei dati finanziari relativi alle somme incassate dai Servizi >>>
  • MOLISE, PIANO DI CONTROLLO DEI RESIDUI ANTIPARASSITARI 2015-2017 +

    Decreto n. 20 del 31 Marzo 2015
    Decreto Ministero della Salute del 23/12/1992 - Regolamento di esecuzione UE n. 400 del 22 >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prof.veterinaria