Mercoledì, Marzo 04, 2015
[
14:06 Moda: la nuova mania delle 'top', brodo d'osso per pranzo   -    12:38 Sesso: scienza tranquillizza, misura media per lui è 13 centimetri   -    15:00 Salute: Oms, udito a rischio per 1 mld giovani, cuffiette non più di 1 ora   -    08:54 Salute: burro nel caffè l'ultimo trend per perdere peso  -    01:06 Salute: allarme dermatologo, calvizie in agguato per tinte cinesi low cost   -    15:36 Pediatria: con mamme 'chiocce' boom dermatiti, un aiuto dal girasole   -    10:16 Tumori: tintarella 'di luna', da raggi Uv danni a pelle anche al buio   -    01:39 Salute: Istat, 10,3% italiani obeso, la percentuale più bassa in Ue   -    16:48 Ricerca: fame chimica da marijuana? Colpa interruttore invertito in cervello   -    15:48 Sesso: per chi è in prime nozze rapporti più hot nel tempo rispetto a risposati   -    
]
PARADOSSI
UOVAE' la Commissione Europea ad ammettere la concreta possibilità di un aumento dell'import di uova e ovo prodotti da Paesi extra-Ue. In prima fila: Usa, Messico e Turchia.

Si crea così il paradosso – è l'analisi di Agrisole- di immettere sul mercato prodotti provenienti da allevamenti non a norma , secondo i nuovi standard europei di benessere animale. "In Europa- dichiara ad Agrisole Gabriella Fantolino di Confagricoltura- basta uno sbilanciamento della produzione rispetto alla domanda per dare origine a tensioni sui prezzi". I primi tre mesi del 2012 si chiudono con cali produttivi di circa il 3% e aumenti delle quotazioni di mercato. I dati elaborati su fonti della Commissione Europea indicano cali produttivi in tutta l'Unione, progressivi in Italia: dal 2009 ad oggi. A concorrere al calo è anche la direttiva sull'adeguamento delle condizioni di allevamento delle galline ovaiole. In Italia, secondo dati di Confagricoltura, su circa 750 strutture produttive solo 435 hanno presentato domanda di adeguamento con gabbie modificate come previsto dal DM del 3 agosto 2011 delle Politiche Agricole, con notevoli contraccolpi nella consistenza degli allevamenti complessi in attività.

Per questo Confagricoltura invita Mipaaf e Ministero della Salute ad avvalersi al più presto della regola di reciprocità: si importa solo sulla base del rispetto dei medesimi standard produttivi. Le stesso norme UE vanno pretese anche sui prodotti importati. La stessa attenzione va posta sugli ovo prodotti oltre che sulle uova, che vengono utilizzati per la preparazione di elaborati alimentari industriali e artigianali.

La produzione nazionale ed europea è in diminuzione, la contrazione dell'offerta sta spingendo in alto i prezzi. Nel 2011 il calo ha inciso più dell'influenza aviaria. "La riduzione della produzione è la conseguenza delle difficoltà che hanno incontrato gli allevamenti nel processo di adeguamento alla normativa comunitaria riguardante la dimensione delle gabbie".(bollettino Agreste)

ATTUALITA'

  • La sanità animale nella direttiva generale del Ministero +

    E' pubblicato il documento Direttiva generale e le relative linee programmatiche, obiettivi strategici e risultati attesi dall'azione del Ministero della >>>
  • Aviaria, 'ragionevole rischio di trasmissione alla popolazione domestica' +

    Chiesta in Commissione Affari Sociali  la revisione dei provvedimenti dirigenziali emanati per fronteggiare il rischio di diffusione del virus influenzale >>>
  • Epizoozia bovina IBR: accertamenti sugli animali importati +

    A fine dicembre 2014, in Tirolo, è stato rilevato l'herpesvirus bovino che provoca l'insorgenza della rinotracheite infettiva dei bovini. >>>
  • L'esperienza aiuta il cane a riconoscere le persone affidabili +

    La consapevolezza sociale dei cani è  una continua scoperta per la ricerca scientifica. Nuovi studi confermano che possono percepire le >>>
  • La prevenzione veterinaria nella vision del Piano 2014-2018 +

    E' prossimo all'esame della Conferenza Stato-Regioni il Piano nazionale della prevenzione per gli anni 2014-2018. >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

EDITORIALE

  • Non è un Paese per professionisti +

    Senza usare tanti giri di parole, la classe politica italiana ha voltato le spalle ai professionisti e al lavoro autonomo intellettuale. >>>
  • La complicazione ci piace di più +

    Tra i fattori che influiscono sulla competitività di un Paese vanno considerati anche i controlli che le imprese subiscono da >>>
  • Un nuovo modello organizzativo per la prevenzione? +

    Con l'approvazione del Patto per la salute 2014-2016, viene confermata dall'accordo Stato-Regioni la  tendenza che, da alcuni anni, caratterizza la >>>
  • Patto della Salute, complessità delle strutture e qualità dei servizi +

    In Europa la sorveglianza sanitaria finalizzata alla sicurezza alimentare si muove a macchia di leopardo per le diverse sensibilità e >>>
  • Nuove DG al Ministero, il commento di ANMVI +

    "Continua a preoccuparci che il riordino possa modificare la storica collocazione della veterinaria e ci preoccupa la spending review". >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

REGIONI

  • SARDEGNA, GRADUATORIE SPECIALISTI VALEVOLE PER IL 2015 +

    Estratto Determinazione n. 106 del 20 febbraio 2015
    Accordo Collettivo Nazionale Medici Specialisti Ambulatoriali graduatoria definitiva degli Specialisti Ambulatoriali interni, Medici >>>
  • SARDEGNA, SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI: ACCORDI E GRADUATORIE +

    Estratto Determinazione n. 91 del 16 febbraio 2015
    Accordo Collettivo Nazionale Medici Specialisti Ambulatoriali interni - Graduatorie definitive degli Specialisti Ambulatoriali >>>
  • PIEMONTE, IMPEGNO A FAVORE DELL'OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO +

    D.D. 24 novembre 2014, n. 989
    Impegno e liquidazione della somma di Euro 50.000,00 sul cap. 171966/14 (Ass.100447) a favore dell'Osservatorio >>>
  • LAZIO, PIANO PER IL CONTROLLO DEGLI ADDITIVI NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE +

    Determinazione 19 febbraio 2015, n. G01576
    Piano regionale di campionamento per il controllo degli additivi negli alimenti di origine animale destinati >>>
  • UMBRIA, NORME SANITARIE RELATIVE AI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE +

    DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE 9 febbraio 2015, n. 493.
    D.G.R. 1544 del 23 dicembre 2013  -  Recepimento Linee guida per l'applicazione del Regolamento (CE)  >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prof.veterinaria