Mercoledì, Settembre 02, 2015
[
16:47 Obesità ko con la zumba e l'addio al junk food: è l'iniziativa degli ospedali inglesi   -    12:50 Salute: scuola vicina per 8 mln alunni, rischi 'guerra' genitori-insegnanti   -    17:59 Salute: lui la vuole magra come Angelina e Gisele, studio svela perché   -    13:07 Psicologia: studio, giovani 'dark' più a rischio depressione   -    12:55 Sesso: sondaggio, donne 'flexi-sexual', meno inclini a dirsi 100% etero o gay   -    13:20 Salute: ansia e stress da fine ferie, per 6 italiani su 10 voglia di coccole   -    02:51 Sesso: per 1 su 4 il primo appuntamento si gioca a tavola, insalata vietata   -    12:16 Estate: sonno addio, in agguato effetto jet lag da fine ferie   -    11:06 Estate: mandorle, uova e cioccolato fra i 9 alleati contro sindrome da rientro   -    17:44 Salute: single e felici, ecco perché qualcuno sta bene anche da solo   -    
]
PARADOSSI
UOVAE' la Commissione Europea ad ammettere la concreta possibilità di un aumento dell'import di uova e ovo prodotti da Paesi extra-Ue. In prima fila: Usa, Messico e Turchia.

Si crea così il paradosso – è l'analisi di Agrisole- di immettere sul mercato prodotti provenienti da allevamenti non a norma , secondo i nuovi standard europei di benessere animale. "In Europa- dichiara ad Agrisole Gabriella Fantolino di Confagricoltura- basta uno sbilanciamento della produzione rispetto alla domanda per dare origine a tensioni sui prezzi". I primi tre mesi del 2012 si chiudono con cali produttivi di circa il 3% e aumenti delle quotazioni di mercato. I dati elaborati su fonti della Commissione Europea indicano cali produttivi in tutta l'Unione, progressivi in Italia: dal 2009 ad oggi. A concorrere al calo è anche la direttiva sull'adeguamento delle condizioni di allevamento delle galline ovaiole. In Italia, secondo dati di Confagricoltura, su circa 750 strutture produttive solo 435 hanno presentato domanda di adeguamento con gabbie modificate come previsto dal DM del 3 agosto 2011 delle Politiche Agricole, con notevoli contraccolpi nella consistenza degli allevamenti complessi in attività.

Per questo Confagricoltura invita Mipaaf e Ministero della Salute ad avvalersi al più presto della regola di reciprocità: si importa solo sulla base del rispetto dei medesimi standard produttivi. Le stesso norme UE vanno pretese anche sui prodotti importati. La stessa attenzione va posta sugli ovo prodotti oltre che sulle uova, che vengono utilizzati per la preparazione di elaborati alimentari industriali e artigianali.

La produzione nazionale ed europea è in diminuzione, la contrazione dell'offerta sta spingendo in alto i prezzi. Nel 2011 il calo ha inciso più dell'influenza aviaria. "La riduzione della produzione è la conseguenza delle difficoltà che hanno incontrato gli allevamenti nel processo di adeguamento alla normativa comunitaria riguardante la dimensione delle gabbie".(bollettino Agreste)

ATTUALITA'

  • Lombardia: +4% le imprese che si occupano di animali +

    Tra vendita, pensioni e cibo sono 1.103, una su otto in Italia. In Italia Milano viene dopo Roma, Napoli e >>>
  • Come riconoscere la tubercolosi sulle carcasse di animali selvatici +

    Contrariamente all'Austria occidentale, alla Baviera meridionale, alla Francia e all'Italia, in Svizzera le popolazioni di animali da reddito e selvatici >>>
  • SSN, De Filippo annuncia l'avvio della 'cabina di regia' +

    De Filippo annuncia un tavolo di confronto con le rappresentanze sindacali: "pensionare l’era nefasta degli steccati, scatenare tutto il protagonismo >>>
  • Nuovo ACN-Convenzionati, tempo indeterminato dopo 6 mesi di prova +

    Via libera al nuovo Accordo collettivo nazionale che interessa specialisti ambulatoriali interni, veterinari, biologi, chimici, psicologi. >>>
  • Orso trentino, esecutiva la modifica del PACOBACE +

    Il Ministro dell'Ambiente Galletti mette al primo posto la sicurezza dell'uomo, ma subito corregge il tiro: per l'orso captivazione mai uccisione. >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

EDITORIALE

  • Facciamo noi le domande al posto di Report +

    Dagli schermi di RAI3 è stato rilanciato l'allarme sul rischio per i consumatori collegato all'impiego di anabolizzanti per "gonfiare" gli animali. >>>
  • ONE-HEALTH, una concezione completa ed efficace della moderna veterinaria. +

    Da una decina d'anni si è imposta nelle discipline mediche, specie quelle che hanno a che fare con la sanità >>>
  • La Medicina narrativa +

    I medici veterinari comportamentalisti, prima ancora del suo avvento, hanno anticipato la medicina narrativa. >>>
  • Non è un Paese per professionisti +

    Senza usare tanti giri di parole, la classe politica italiana ha voltato le spalle ai professionisti e al lavoro autonomo intellettuale. >>>
  • La complicazione ci piace di più +

    Tra i fattori che influiscono sulla competitività di un Paese vanno considerati anche i controlli che le imprese subiscono da >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

REGIONI

  • TRENTINO, MODIFICA AL CCPL 2002-2005 DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA +

    Deliberazione Giunta provinciale n. 1123 del 6 luglio 2015
    Accordo di modifica del CCPL 2002-2005 di data 25 settembre 2006 >>>
  • TRENTINO, RIORDINO DELL'IZS DELLE VENEZIE +

    LEGGE PROVINCIALE del 19 maggio 2015, n.5 Riordino dell'Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie e istituzione di una rete di sorveglianza epidemiologica veterinaria. >>>
  • CAMPANIA, INDENNIZZI PER ANIMALI POSITIVI ALLA TUBERCOLOSI, BRUCELLOSI, LEUCOSI +

    Decreto Dirigenziale n. 251 del 05/08/2015
    LINEE GUIDA REGIONALI PER L'EROGAZIONE DEGLI INDENNIZZI STATALI PER GLI ANIMALI POSITIVI ALLA TUBERCOLOSI, BRUCELLOSI >>>
  • CAMPANIA, ACCREDITAMENTO PER L'ACCESSO ALL'ANAGRAFE CANINA ON LINE +

    Decreto Dirigenziale n. 244 del 03/08/2015 Accreditamento Veterinari Liberi Professionisti, per l'accesso in BDU anagrafe canina on-line Regione Campania. >>>
  • UMBRIA, NOMINA DIRETTORE GENERALE IZS UMBRIA E MARCHE +

    DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 16 luglio 2015, n. 103. Nomina Direttore generale dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Umbria e delle Marche. >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prof.veterinaria
Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.