Giovedì, Febbraio 26, 2015
[
01:06 Salute: allarme dermatologo, calvizie in agguato per tinte cinesi low cost   -    15:36 Pediatria: con mamme 'chiocce' boom dermatiti, un aiuto dal girasole   -    10:16 Tumori: tintarella 'di luna', da raggi Uv danni a pelle anche al buio   -    01:39 Salute: Istat, 10,3% italiani obeso, la percentuale più bassa in Ue   -    16:48 Ricerca: fame chimica da marijuana? Colpa interruttore invertito in cervello   -    15:48 Sesso: per chi è in prime nozze rapporti più hot nel tempo rispetto a risposati   -    17:21 Salute: meditazione amica di Morfeo, 'Mindfulness' aiuta a dormire meglio   -    12:32 Salute: rosso alleato sportivi, blu calma respiro, mappato effetto dei colori   -    19:31 San Valentino: 43% italiani più attento al telefonino che al partner   -    15:00 Bellezza: vip Sanremo sotto la lente del medico, donne promosse, uomini peggio   -    
]
canone rai Il canone RAI che le strutture veterinarie sono invitate a versare è un abbonamento “speciale” alla televisione. La RAI sta inviando bollettini postali già compilati per versare il “piccolo tributo”, in base ad un obbligo in vigore dal 1999, sul quale il Decreto “Salva Italia” ha stabilito di non transigere. L’ANMVI ha affidato al proprio studio legale il mandato di verificare la coerenza del quadro legislativo che insiste sul parallelo con le imprese e con i luoghi aperti al pubblico. E sulla equiparazione degli apparecchi televisivi anche ai personal computer, utilizzati dalle strutture medico-sanitarie e veterinarie per finalità del tutto estranee a quelle contemplate dalla normativa di riferimento del canone Rai. Non da ultimo, la lettera della RAI, genericamente datata gennaio 2012, è arrivata oltre la scadenza limite del 31 gennaio.

La presenza dei computer rappresenta infatti una esigenza professionale imprescindibile sotto il profilo della gestione delle attività sanitarie e professionali, oltre che rappresentare un mezzo per l’aggiornamento a distanza, la formazione, l’informazione, l’accesso a piattaforme informatizzate e data base, anche istituzionali,  che nulla hanno a che vedere con le trasmissioni radiotelevisive.  Una incoerenza, fra le più paradossali, che l’Associazione Nazionale denuncia in un comunicato stampa. Ipotizzabili anche profili suscettibili di ledere le attività della Rete, siti, portali e servizi che si offrono gratuiti all’utenza e sui quali la RAI realizza una forma di entrata indiretta.

L’On Gianni Mancuso ha annunciato la presentazione di una interrogazione parlamentare per chiedere, su iniziativa dell’ANMVI, di far rientrare le strutture sanitarie fra le categorie ammesse all’esenzione e di escludere l’uso del pc e di ogni altra analoga applicazione multimediale l’assoggettamento del canone e comunque di introdurre dei distinguo nelle finalità d’utilizzo, tese ad escludere il versamento del canone in assenza di televisori diversi da quelli a circuito chiuso.

Indipendentemente dall’uso

La lettera della Direzione Amministrazione Abbonamenti RAI è perentoria nel ricordare i soggetti tenuti al pagamento in virtù di norme risalenti al  1938: “chiunque detenga uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi”.  Un Regio Decreto (RDL 21/2/1938, N.246) disinvoltamente applicato anche ai computer, come a tutti gli apparecchi “atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radiotelevisivi al di fuori dell’ambito familiare, compresi computer collegati in rete, indipendentemente dall’uso al quale gli stessi vengono adibiti come ad esempio la visione di filmati, dvd, televideo, filmati di aggiornamento ecc.”

Gli studi professionali ricadono nel  canone “speciale”

Il “canone speciale” è dovuto dagli studi professionali dal 1 gennaio 2000 come gli alberghi, negozi, scuole, associazioni, sedi di partito, circoli, istituti religiosi, ecc., ossia  “da chi detiene uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive in locali aperti al pubblico o comunque al di fuori dall'ambito familiare”. La previsione risale ad una legge del 1999. La novità è che, da quest’anno, “agli organi di controllo è demandato il compito di verificare sul territorio il regolare pagamento del canone” e che sono stati messi in atto meccanismi di controverifica in sede di dichiarazione dei redditi. E chi non adempie è “evasore fiscale”.

Sanzioni e deducibilità. Pagare?

La RAI sottolinea che “trattandosi di un'imposta sulla detenzione dell'apparecchio, il canone deve essere pagato indipendentemente dall'uso del televisore o dalla scelta delle emittenti televisive. E trattandosi di un’imposta, il mancato versamento del “piccolo tributo”  comporta sanzioni fino a 6 volte il dovuto. La lettera della Direzione RAI evidenzia che l’importo indicato nel bollettino precompilato è deducibile dal reddito d’impresa. In sostanza, il mancato pagamento del canone RAI può essere accertato dalla Guardia di Finanza.Nel caso di accertamento, oltre all'obbligatorietà del pagamento del canone, l'utente sarà soggetto ad una maggiorazione che può arrivare sino all'importo di € 619 per mancato pagamento di canone e Tassa di Concessione Governativa. Per tutti questi motivi i consulenti fiscali dell'ANMVI non possono invitare a non versare, ma stanno vagliando le possibili azioni di ricorso, in collaborazione con i legali dell'Associazione.

Canone strumento per verifiche fiscali

La lettera della RAI inviata alle strutture veterinarie si richiama espressamente all’art. 17 (Canone RAI)  del Decreto Salva Italia che ha previsto di indicare il numero di abbonamento/canone nella dichiarazione dei redditi: “Le imprese e le societa', ai sensi di quanto previsto dal decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, nella relativa dichiarazione dei redditi, devono indicare il numero di abbonamento speciale alla radio o alla televisione la categoria di appartenenza ai fini dell'applicazione della tariffa di abbonamento radiotelevisivo speciale, nonche' gli altri elementi che saranno eventualmente indicati nel provvedimento di approvazione del modello per la dichiarazione dei redditi, ai fini della verifica del pagamento del canone di abbonamento radiotelevisivo speciale”.

pdfLETTERA DELLA RAI ALLE STRUTTURE VETERINARIE.PDF56.18 KB

SITO UFFICIIALE DEL CANONE RAI

ATTUALITA'

  • Sperimentazione animale, Mantovani: ruolo IZSLER centrale +

    L'Istituto zooprofilattico è una 'struttura d'eccellenza' per i metodi alternativi e il centro di"una vera e propria rete di ricerca >>>
  • Approvato il regolamento del Circuito Allevatoriale 2015 +

    Ruolo veterinario, certificati, identificazione, benessere animale e antidoping nel Regolamento del Circuito Allevatoriale valevole per il 2015. >>>
  • Latte, On Paolo Cova: Regione Lombardia non fa abbastanza +

     "Serve un'Interprofessione del latte, sia per i produttori che per i consumatori. Regione Lombardia non sta facendo abbastanza". >>>
  • Educazione assistita con animali nel carcere di Bollate +

    Parte nel carcere di Bollate, alle porte di Milano, un corso ideato e progettato appositamente per le persone sottoposte a >>>
  • AIE 2015: distribuzione geografica dei casi confermati +

    Il Centro di Referenza Nazionale per l'Anemia Infettiva Equina pubblica i dati aggiornati dei casi confermati sul territorio nazionale. >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

EDITORIALE

  • Non è un Paese per professionisti +

    Senza usare tanti giri di parole, la classe politica italiana ha voltato le spalle ai professionisti e al lavoro autonomo intellettuale. >>>
  • La complicazione ci piace di più +

    Tra i fattori che influiscono sulla competitività di un Paese vanno considerati anche i controlli che le imprese subiscono da >>>
  • Un nuovo modello organizzativo per la prevenzione? +

    Con l'approvazione del Patto per la salute 2014-2016, viene confermata dall'accordo Stato-Regioni la  tendenza che, da alcuni anni, caratterizza la >>>
  • Patto della Salute, complessità delle strutture e qualità dei servizi +

    In Europa la sorveglianza sanitaria finalizzata alla sicurezza alimentare si muove a macchia di leopardo per le diverse sensibilità e >>>
  • Nuove DG al Ministero, il commento di ANMVI +

    "Continua a preoccuparci che il riordino possa modificare la storica collocazione della veterinaria e ci preoccupa la spending review". >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

REGIONI

  • SICILIA, GRADUATORIE VALIDE PER L'ANNO 2015 +

    DECRETO 15 gennaio 2015.
    Graduatoria dei medici veterinari aspiranti ad incarichi ambulatoriali dell'Azienda sanitaria provinciale di Ragusa, valida per l'anno 2015. >>>
  • SARDEGNA, CONTROLLO DELLA PESTE SUINA NELLA FILIERA DOMESTICA E DELLA CARNE +

    Determinazione n. 87 del 11 febbraio 2015
    Secondo provvedimento attuativo del Programma straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana 2015-2017, recante >>>
  • SARDEGNA, PROGRAMMA STRAORDINARIO 2015-2017 CONTRO LA PESTE SUINA +

    Determinazione n. 86 del 11 febbraio 2015
    Primo provvedimento attuativo del programma straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana 2015-2017 recante >>>
  • LIGURIA, NORME PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA E PER IL PRELIEVO VENATORIO +

    LEGGE REGIONALE 6 FEBBRAIO 2015 N. 3
    Modifiche alla legge regionale 1 luglio 1994, n. 29 (Norme regionali per la protezione >>>
  • FRIULI, GRADUATORIE DEFINITIVE VALEVOLI PER IL 2015 +

    Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria, politiche sociali Graduatorie definitive dei medici specialisti, veterinari, biologi e psicologi ambulatoriali, relative alla Provincia di Pordenone, >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prof.veterinaria