Sabato, Agosto 01, 2015
[
15:31 La regola del matrimonio perfetto, sposarsi entro i 32 anni riduce il rischio divorzio   -    19:14 Estate: nel piatto i colori della verdura, anche in spiaggia conta il mix   -    17:27 Hamburger 'gioiello' creato in laboratorio, gli scienziati perfezionano il sapore   -    16:39 Estate: con caldo e umidità più rischi impetigine, under 6 anni più colpiti   -    02:05 Droni nuova arma contro le zanzare, trappole volanti anti-epidemie   -    11:40 Alcol: il tattoo s'illumina se si beve troppo per guidare, creato da 2 studenti   -    12:51 Estate: tintarella invecchia, 70% macchie e rughe causato da raggi   -    19:38 Ricerca: nati nello stesso anno ma invecchiano a velocità diverse   -    16:28 Con il caldo notti in bianco per gli italiani: regole anti-canicola   -    15:26 Salute: 36% adolescenti chiede consigli all'allenatore sportivo   -    
]
Le pubblicazioni riprenderanno con regolarità a settembre.
FALSE CERTIFICAZIONI
TRIBUNALEControparti a processo per l'attentato al veterinario della Asl di Nuoro, E.V.,  minacciato per un presunto giro di false certificazioni di capi allevati in alcune aziende sarde.
Di fronte ai giudici, ricostruiti i sospetti in cui verificò i capi dell'allevamento di uno degli imputati, presentavano un numero maggiore di vitelli rispetto a quello delle fattrici. Gli allevatori si erano giustificati dicendo di averli acquistati.

A seguire le aziende era un altro veterinario della Asl, anch'egli imputato assieme agli allevatori. Secondo il pubblico ministero, insieme avrebbero messo in piedi un giro di false certificazioni sui capi animali e, una volta scoperti da E. V., gli allevatori avrebbero provveduto a minacciarlo con la bomba che esplose a capodanno del 2005.  Quattro richieste di rinvio a giudizio per l'attentato furono poi emesse nel 2009, nei confronti di due allevatori e di due veterinari.

La bomba fu collocata davanti alla casa del veterinario Asl E.V. Secondo l'accusa uno degli allevatori provocò anche l'incendio della sua auto. La sua posizione gli consentì infatti di scoprire un giro di riciclaggio di vitelli rubati e di false certificazioni che sarebbero state ottenute grazie alla complicità di persone interne alla Asl stessa. L'attività illecita, secondo gli inquirenti, andava avanti forse dal 2000, ma sarebbe venuta alla luce solo in seguito all'istituzione di una banca dati locale, che non avrebbe più consentito di rilasciare altre false certificazioni, utilizzando numeri riferibili a capi di bestiame di allevamenti anche del nord Italia.

Il veterinario minacciato ha già deposto l'anno scorso in aula. Ad insospettirlo, nel 2004, furono la denunce di troppe nascite gemellari all'interno dell'allevamento, nuovi dubbi erano insorti quando, dopo la nascita dell'anagrafe bovina, venne scoperta la presenza di capi con lo stesso numero di certificazione in allevamenti differenti da quelli che l'allevatore dichiarava in proprio possesso. E lo stesso sarebbe avvenuto per numerosi bovini che venivano indicati come capi finiti al macello. Per farlo, l'allevatore si sarebbe servito della collaborazione di un altro veterinario della Asl di Nuoro.

Il processo proseguirà il 13 luglio. (fonte: lanuovasardegna.it.)

ATTUALITA'

  • Green Hill: nuove indagini mentre la difesa deposita il ricorso +

    La Procura di Brescia ha notificato la chiusura indagini per due veterinari e tre dipendenti della società. >>>
  • Aggiornamenti al Piano Nazionale del Benessere Animale +

    La Direzione Generale della Sanità Animale ha inviato una circolare alle Regioni che aggiorna il Piano Nazionale del Benessere Animale >>>
  • Genetica forense veterinaria, Unirelab seleziona biologi +

    Il Ministero delle Politiche Agricole ha pubblicato un Avviso per l'assunzione a tempo determinato di un  Responsabile del laboratorio di >>>
  • Animali d'affezione, dal MinSal un compendio delle norme +

    L’opuscolo, scaricabile dal portale del Ministero della salute o consultabile on line, offre una raccolta aggiornata delle norme attualmente in vigore. >>>
  • Asti, Ubaldo Uberti Presidente dell'Ordine dei Veterinari +

    Dopo il commissariamento, l'Ordine dei Veterinari di Asti ha eletto il nuovo Consiglio Direttivo. >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

EDITORIALE

  • Facciamo noi le domande al posto di Report +

    Dagli schermi di RAI3 è stato rilanciato l'allarme sul rischio per i consumatori collegato all'impiego di anabolizzanti per "gonfiare" gli animali. >>>
  • ONE-HEALTH, una concezione completa ed efficace della moderna veterinaria. +

    Da una decina d'anni si è imposta nelle discipline mediche, specie quelle che hanno a che fare con la sanità >>>
  • La Medicina narrativa +

    I medici veterinari comportamentalisti, prima ancora del suo avvento, hanno anticipato la medicina narrativa. >>>
  • Non è un Paese per professionisti +

    Senza usare tanti giri di parole, la classe politica italiana ha voltato le spalle ai professionisti e al lavoro autonomo intellettuale. >>>
  • La complicazione ci piace di più +

    Tra i fattori che influiscono sulla competitività di un Paese vanno considerati anche i controlli che le imprese subiscono da >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

REGIONI

  • SARDEGNA, ORDINANZA DI ABBATTIMENTO PER PASCOLO NON CONFINATO +

    Ordinanza n. 13389/1 del 08 luglio 2015 Ordinanza del Responsabile di Progetto per l'eradicazione della peste suina africana - Abbattimento per pascolo >>>
  • PUGLIA, NOMINA DIRETTORE GENERALE IZS DI PUGLIA E BASILICATA CON SEDE A FOGGIA +

    DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 maggio 2015, n. 1206
    D.Lgs n. 270/1993 come modificato D.L.gs. n. 106/2012; L.R. Regione Puglia n. >>>
  • LAZIO, PIANO REGIONALE RADIAZIONI IONIZZANTI 2015-2018 +

    Determinazione 3 luglio 2015, n. G08216 Piano regionale radiazioni ionizzanti in alimenti di origine non animale 2015-2018. >>>
  • PUGLIA, GRADUATORIE DEFINITIVE VALIDE PER IL 2015 DELLA PROVINCIA DI FOGGIA +

    DETERMINAZIONE DIRIGENTE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA
    1 luglio 2015, n. 175
    A.C.N. per la disciplina dei rapporti con i medici >>>
  • PIEMONTE, EDUCAZIONE SANITARIA ANIMALI D'AFFEZIONE, COMUNE DI ASTI +

    D.D. 19 maggio 2015, n. 312 Rimodulazione progetto di educazione sanitaria in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prof.veterinaria
Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.