Venerdì, Ottobre 24, 2014
[
17:25 Animali: report, oltre 9 mln sottoposti a test per sicurezza sostanze chimiche -    17:25 Ricerca: ai neuroni piace 'la dolce vita', studio apre a rigenerazione -    17:25 Fumo: Moige, al via campagna sensibilizzazione 'Sos tabacco' -    17:25 Salute: più longevo chi ha uno scopo nella vita -    17:25 Salute: Oms, incidenti stradali, Aids e suicidio primi killer adolescenti -    17:24 Salute: mamma a 5 anni, 75 anni fa il parto più precoce di sempre -    16:24 Salus Tv n°20 -    14:50 Salute: mamma a 5 anni, 75 anni fa il parto più precoce di sempre   -    14:47 Salute: Oms, incidenti stradali, Aids e suicidio primi killer adolescenti   -    14:46 Salute: più longevo chi ha uno scopo nella vita   -    
]
FALSE CERTIFICAZIONI
TRIBUNALEControparti a processo per l'attentato al veterinario della Asl di Nuoro, E.V.,  minacciato per un presunto giro di false certificazioni di capi allevati in alcune aziende sarde.
Di fronte ai giudici, ricostruiti i sospetti in cui verificò i capi dell'allevamento di uno degli imputati, presentavano un numero maggiore di vitelli rispetto a quello delle fattrici. Gli allevatori si erano giustificati dicendo di averli acquistati.

A seguire le aziende era un altro veterinario della Asl, anch'egli imputato assieme agli allevatori. Secondo il pubblico ministero, insieme avrebbero messo in piedi un giro di false certificazioni sui capi animali e, una volta scoperti da E. V., gli allevatori avrebbero provveduto a minacciarlo con la bomba che esplose a capodanno del 2005.  Quattro richieste di rinvio a giudizio per l'attentato furono poi emesse nel 2009, nei confronti di due allevatori e di due veterinari.

La bomba fu collocata davanti alla casa del veterinario Asl E.V. Secondo l'accusa uno degli allevatori provocò anche l'incendio della sua auto. La sua posizione gli consentì infatti di scoprire un giro di riciclaggio di vitelli rubati e di false certificazioni che sarebbero state ottenute grazie alla complicità di persone interne alla Asl stessa. L'attività illecita, secondo gli inquirenti, andava avanti forse dal 2000, ma sarebbe venuta alla luce solo in seguito all'istituzione di una banca dati locale, che non avrebbe più consentito di rilasciare altre false certificazioni, utilizzando numeri riferibili a capi di bestiame di allevamenti anche del nord Italia.

Il veterinario minacciato ha già deposto l'anno scorso in aula. Ad insospettirlo, nel 2004, furono la denunce di troppe nascite gemellari all'interno dell'allevamento, nuovi dubbi erano insorti quando, dopo la nascita dell'anagrafe bovina, venne scoperta la presenza di capi con lo stesso numero di certificazione in allevamenti differenti da quelli che l'allevatore dichiarava in proprio possesso. E lo stesso sarebbe avvenuto per numerosi bovini che venivano indicati come capi finiti al macello. Per farlo, l'allevatore si sarebbe servito della collaborazione di un altro veterinario della Asl di Nuoro.

Il processo proseguirà il 13 luglio. (fonte: lanuovasardegna.it.)

ATTUALITA'

  • Mese del cucciolo, in corso le adesioni dei veterinari +

    Sono in corso le adesioni dei medici veterinari alla quarta edizione del "Mese del Cucciolo": dal 15 gennaio al 15 >>>
  • Successi investigativi con i cani molecolari della Polizia +

    Risultati positivi dal progetto sperimentale di addestramento per cani di Polizia per renderli idonei all'identificazione di tracce ematiche, anche occulte >>>
  • Metodi di selezione dogo argentino, intervento dell'Ordine +

    Dopo il servizio di Striscia la Notizia  l'Ordine di Milano "si è subito attivato per risalire all'identificazione certa del soggetto >>>
  • Primo quadro mondiale della Listeria monocytogenes +

    La maggior parte dei casi di Listeria sono riportati in paesi ad alto reddito. La malattia ha colpito gestanti e >>>
  • Investì il gatto, l'RC auto paga 300 euro alla proprietaria +

    Il 17 luglio il suo gatto venne ucciso da un'auto mentre attraversava la strada a Sassari. Il legale ha fatto >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

EDITORIALE

  • Un nuovo modello organizzativo per la prevenzione? +

    Con l'approvazione del Patto per la salute 2014-2016, viene confermata dall'accordo Stato-Regioni la  tendenza che, da alcuni anni, caratterizza la >>>
  • Nuove DG al Ministero, il commento di ANMVI +

    "Continua a preoccuparci che il riordino possa modificare la storica collocazione della veterinaria e ci preoccupa la spending review". >>>
  • Patto della Salute, complessità delle strutture e qualità dei servizi +

    In Europa la sorveglianza sanitaria finalizzata alla sicurezza alimentare si muove a macchia di leopardo per le diverse sensibilità e >>>
  • Veterinaria sociale? Ce n'è bisogno ma i politici usano gli animali solo per la caccia al voto +

    Esplode fra i politici- anche di schieramento opposto- la moda dell'assistenza veterinaria gratis. Da Roma a Milano è una 'mania'. >>>
  • Lo spreco alimentare e i medici veterinari +

    Anche il consumo di cibo è un aspetto della vita sociale che non ci può lasciare indifferenti. >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

REGIONI

  • LOMBARDIA, IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE DELL'ISTITUTO ZOOPROFILATTICO +

    D.g.r. 17 ottobre 2014 - n. X/2530
    Determinazioni  in  ordine  alla  formazione  di  un elenco di idonei alla nomina  di  direttore generale

    >>>
  • SARDEGNA, MODIFICA DEL DECRETO SULLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI +

    Decreto n. 23 del 12 settembre 2014
    Modifica relativa all'entrata in vigore del decreto Assessore Igiene e sanità e assistenza sociale

    >>>
  • SARDEGNA, PROFILASSI VACCINALE CONTRO LA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI +

    Decreto n. 22 del 10 settembre 2014
    Profilassi  vaccinale  obbligatoria  contro  la  febbre  catarrale degli ovini. Adempimenti periodo 2014-2015.

    REGIONE SARDEGNA

    >>>
  • PIEMONTE, IMPEGNO A FAVORE DELL'UNIVERSITA' DI TORINO +

    D.D. 17 giugno 2014, n. 586
    Impegno  e  liquidazione della somma  di Euro 50.000,00 sul cap. 165376/14 (ass. 100420)  a 

    >>>
  • LAZIO, NORME IN MATERIA DI CANI DA PRESA, MOLOSSIDI ED INCROCI +

    Determinazione 25 settembre 2014, n. G13564
    Legge regionale 6 ottobre 2003, n. 33:  Norme in materia di cani da presa,

    >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prof.veterinaria