Lunedì, Aprile 27, 2015
[
13:26 Salute: 'made in Italy' zucchero biotech che non fa ingrassare   -    09:15 Sport: training moltiplica tossine, fritto, pesce e finocchi alleati sportivi   -    20:05 Bellezza: febbre del ritocco contagia lui, +10% l'anno richieste interventi   -    12:40 Bellezza: guerra alla cellulite, 2 donne su 3 in ritardo nei trattamenti   -    20:05 Salute: italiani tecnostressati, per loro insonnia e mal di stomaco   -    16:07 Ricerca: in arrivo robot chef che può preparare 2 mila piatti   -    15:18 Salute: abbronzati senza rischi, al via nelle scuole del Lazio 'Sole Sicuro'   -    12:53 Sesso: la teoria, piacere femminile legato all'idratazione   -    12:15 Salute: dai cibi al sonno, 11 regole per sopravvivere a cambio di stagione   -    12:16 Bellezza: seno nuovo e liposuzione ritocchi 'hot' del tagliando di primavera   -    
]
FALSE CERTIFICAZIONI
TRIBUNALEControparti a processo per l'attentato al veterinario della Asl di Nuoro, E.V.,  minacciato per un presunto giro di false certificazioni di capi allevati in alcune aziende sarde.
Di fronte ai giudici, ricostruiti i sospetti in cui verificò i capi dell'allevamento di uno degli imputati, presentavano un numero maggiore di vitelli rispetto a quello delle fattrici. Gli allevatori si erano giustificati dicendo di averli acquistati.

A seguire le aziende era un altro veterinario della Asl, anch'egli imputato assieme agli allevatori. Secondo il pubblico ministero, insieme avrebbero messo in piedi un giro di false certificazioni sui capi animali e, una volta scoperti da E. V., gli allevatori avrebbero provveduto a minacciarlo con la bomba che esplose a capodanno del 2005.  Quattro richieste di rinvio a giudizio per l'attentato furono poi emesse nel 2009, nei confronti di due allevatori e di due veterinari.

La bomba fu collocata davanti alla casa del veterinario Asl E.V. Secondo l'accusa uno degli allevatori provocò anche l'incendio della sua auto. La sua posizione gli consentì infatti di scoprire un giro di riciclaggio di vitelli rubati e di false certificazioni che sarebbero state ottenute grazie alla complicità di persone interne alla Asl stessa. L'attività illecita, secondo gli inquirenti, andava avanti forse dal 2000, ma sarebbe venuta alla luce solo in seguito all'istituzione di una banca dati locale, che non avrebbe più consentito di rilasciare altre false certificazioni, utilizzando numeri riferibili a capi di bestiame di allevamenti anche del nord Italia.

Il veterinario minacciato ha già deposto l'anno scorso in aula. Ad insospettirlo, nel 2004, furono la denunce di troppe nascite gemellari all'interno dell'allevamento, nuovi dubbi erano insorti quando, dopo la nascita dell'anagrafe bovina, venne scoperta la presenza di capi con lo stesso numero di certificazione in allevamenti differenti da quelli che l'allevatore dichiarava in proprio possesso. E lo stesso sarebbe avvenuto per numerosi bovini che venivano indicati come capi finiti al macello. Per farlo, l'allevatore si sarebbe servito della collaborazione di un altro veterinario della Asl di Nuoro.

Il processo proseguirà il 13 luglio. (fonte: lanuovasardegna.it.)

ATTUALITA'

  • Accertamenti sull'accesso di animali con conchectomia +

    In seguito all'esposizione canina di Ferrara, la dottoressa Chiara Berardelli della Asl territoriale dettaglia in una nota i riscontri avuti >>>
  • Positivo a cosa? Clenbuterolo."Sono sconvolto" +

    EXPO? "Una grande occasione che Report coglie per sei puntate a partire da questa domenica per trattare i temi della >>>
  • Passaporto bovino addio, MinSal: semplificazione e tracciabilità +

    "L'innovazione tecnologica semplifica e migliora la tracciabilità". Comunicato del Ministero della Salute sull'abolizione dal 1 maggio della documentazione cartacea. >>>
  • Il benessere animale sia incluso nella Carta di Milano +

    L'occasione per questa sollecitazione è stata l'intervento di ieri del Ministro Maurizio Martina, ' in Senato sulla stesura della "Carta di >>>
  • Almalaurea, quella in Veterinaria è ancora una laurea povera +

    Nel XVII Rapporto AlmaLaurea la condizione occupazionale dei laureati in veterinaria continua ad essere sostenuta dalla libera iniziativa professionale. >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

EDITORIALE

  • La Medicina narrativa +

    I medici veterinari comportamentalisti, prima ancora del suo avvento, hanno anticipato la medicina narrativa. >>>
  • Non è un Paese per professionisti +

    Senza usare tanti giri di parole, la classe politica italiana ha voltato le spalle ai professionisti e al lavoro autonomo intellettuale. >>>
  • La complicazione ci piace di più +

    Tra i fattori che influiscono sulla competitività di un Paese vanno considerati anche i controlli che le imprese subiscono da >>>
  • Un nuovo modello organizzativo per la prevenzione? +

    Con l'approvazione del Patto per la salute 2014-2016, viene confermata dall'accordo Stato-Regioni la  tendenza che, da alcuni anni, caratterizza la >>>
  • Patto della Salute, complessità delle strutture e qualità dei servizi +

    In Europa la sorveglianza sanitaria finalizzata alla sicurezza alimentare si muove a macchia di leopardo per le diverse sensibilità e >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

REGIONI

  • UMBRIA, ELENCO LABORATORI DI ANALISI PER LE IMPRESE ALIMENTARI +

    DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE 2 aprile 2015, n. 1993.
    D.G.R. n. 1871 del 20 dicembre 2010. Elenco regionale dei laboratori aventi sede operativa >>>
  • UMBRIA, LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE DEGLI ANIMALI DURANTE L'ABBATTIMENTO +

    DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE 25 marzo 2015, n. 1700. Recepimento Linee guida e indirizzi operativi vincolanti in applicazione del Regolamento (CE) n. 1099 >>>
  • LOMBARDIA, AGGIORNAMENTO REGISTRO LABORATORI D'ANALISI +

    D.d.s. 20 aprile 2015 - n. 3087 Aggiornamento del registro della Regione Lombardia dei laboratori che effettuano analisi nell'ambito delle procedure di >>>
  • PIEMONTE, SOMME INCASSATE PER I CONTROLLI SANITARI 2014 +

    D.D. 16 aprile 2015, n. 243
    Pubblicazione sul  B.U. della Regione Piemonte dei dati finanziari relativi alle somme incassate dai Servizi >>>
  • MOLISE, PIANO DI CONTROLLO DEI RESIDUI ANTIPARASSITARI 2015-2017 +

    Decreto n. 20 del 31 Marzo 2015
    Decreto Ministero della Salute del 23/12/1992 - Regolamento di esecuzione UE n. 400 del 22 >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prof.veterinaria