Martedì, Ottobre 21, 2014
[
17:25 Animali: report, oltre 9 mln sottoposti a test per sicurezza sostanze chimiche -    17:25 Ricerca: ai neuroni piace 'la dolce vita', studio apre a rigenerazione -    17:25 Fumo: Moige, al via campagna sensibilizzazione 'Sos tabacco' -    17:25 Salute: più longevo chi ha uno scopo nella vita -    17:25 Salute: Oms, incidenti stradali, Aids e suicidio primi killer adolescenti -    17:24 Salute: mamma a 5 anni, 75 anni fa il parto più precoce di sempre -    16:24 Salus Tv n°20 -    14:50 Salute: mamma a 5 anni, 75 anni fa il parto più precoce di sempre   -    14:47 Salute: Oms, incidenti stradali, Aids e suicidio primi killer adolescenti   -    14:46 Salute: più longevo chi ha uno scopo nella vita   -    
]
EMILIA ROMAGNA
dottalcomputerSi completa la definizione degli accordi integrativi della medicina convenzionata con il Servizio sanitario. Tra gli obiettivi qualificanti: l'informatizzazione dei professionisti e l'adozione di nuove forme organizzative dell'assistenza specialistica ambulatoriale.
E' stato sottoscritto dall'assessore regionale alle politiche per la salute, Carlo Lusenti e dalle Organizzazioni sindacali SUMAI, CISL Medici e Federazione medici aderente UIL FPL, l'Accordo integrativo regionale per gli specialisti ambulatoriali interni, veterinari e professionisti sanitari (biologi, chimici, psicologi) in attuazione delle convenzioni nazionali dell'8 luglio 2010. Tale accordo è stato recepito con deliberazione di Giunta regionale n. 173/2012 e si aggiunge a quelli riguardanti i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta sottoscritti nell'estate scorsa (Dgr. 1117/2011 e Dgr. 1116/2011).

In particolare, nell'accordo si individuano due aree tematiche ritenute di importanza strategica per la programmazione, l'organizzazione e la valorizzazione dell'assistenza territoriale: l'informatizzazione dei professionisti e l'adozione di nuove forme organizzative dell'assistenza specialistica ambulatoriale.

Considerato che la normativa nazionale e regionale, richiedono per i medici specialisti ambulatoriali, l'adesione e l'utilizzo dei sistemi informativi messi a disposizione da Regione e Aziende sanitarie, nell'accordo si è previsto che tale utilizzo costituisca condizione irrinunciabile per l'accesso ed il mantenimento della convenzione con il Servizio sanitario, prevedendo altresì che le Aziende Usl pongano in atto tutte le iniziative, anche di carattere formativo, per la piena realizzazione di tale obiettivo.

Anche per quando riguarda il secondo aspetto qualificante dell'accordo, è stato ribadito che l'aggregazione funzionale, a cui i medici professionisti devono obbligatoriamente partecipare, è requisito fondamentale per la promozione dell'equità di accesso, l'individuazione di percorsi di integrazione, la condivisione di indirizzi e per garantire la continuità della cura. Alle Aziende Usl è demandata l'articolazione degli ambiti di aggregazione, da realizzare secondo il livello territoriale ritenuto più rispondente, per promuovere l'integrazione ed il coordinamento tra professionisti della medesima specialità e tra professionisti sanitari, avvalendosi anche di specialisti con funzioni di Coordinatori aziendali.

pdfIL TESTO DELLACCORDO.pdf244.26 KB

ATTUALITA'

  • Cuccioli di Daniza, ANMVI: inopportuno il trasferimento +

    Inopportuno un eventuale trasferimento dei due cuccioli di orso poco prima del letargo. Questo il parere chiesto e reso dall'ANMVI >>>
  • Legge di Stabilità: tre mesi per il riordino degli IZS +

    Regioni e Province Autonome provvedono ad adottare le disposizioni applicative del riordino degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali entro tre mesi. >>>
  • Fango nell'ambulatorio distrutto: 30mila euro di danni +

    Le segnalazioni da Genova sui danni alle attività veterinarie purtroppo sono in aumento, sia per numero che per gravità. >>>
  • Ebola: domande e risposte sugli animali +

    AIVEMP, non ritiene che gli animali rappresentino un rischio significativo per Ebola in Italia. L'Associazione ha tradotto e adattato le >>>
  • Salute 2020: rinforzare le capacità di informazione e di sorveglianza +

    Salute 2020 supporta sforzi 'risoluti e continuativi' per contrastare le malattie trasmissibili. Nessun Paese si può permettere di diminuire il >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

EDITORIALE

  • Un nuovo modello organizzativo per la prevenzione? +

    Con l'approvazione del Patto per la salute 2014-2016, viene confermata dall'accordo Stato-Regioni la  tendenza che, da alcuni anni, caratterizza la >>>
  • Nuove DG al Ministero, il commento di ANMVI +

    "Continua a preoccuparci che il riordino possa modificare la storica collocazione della veterinaria e ci preoccupa la spending review". >>>
  • Patto della Salute, complessità delle strutture e qualità dei servizi +

    In Europa la sorveglianza sanitaria finalizzata alla sicurezza alimentare si muove a macchia di leopardo per le diverse sensibilità e >>>
  • Veterinaria sociale? Ce n'è bisogno ma i politici usano gli animali solo per la caccia al voto +

    Esplode fra i politici- anche di schieramento opposto- la moda dell'assistenza veterinaria gratis. Da Roma a Milano è una 'mania'. >>>
  • Lo spreco alimentare e i medici veterinari +

    Anche il consumo di cibo è un aspetto della vita sociale che non ci può lasciare indifferenti. >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

REGIONI

  • SARDEGNA, MODIFICA DEL DECRETO SULLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI +

    Decreto n. 23 del 12 settembre 2014
    Modifica relativa all'entrata in vigore del decreto Assessore Igiene e sanità e assistenza sociale

    >>>
  • SARDEGNA, PROFILASSI VACCINALE CONTRO LA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI +

    Decreto n. 22 del 10 settembre 2014
    Profilassi  vaccinale  obbligatoria  contro  la  febbre  catarrale degli ovini. Adempimenti periodo 2014-2015.

    REGIONE SARDEGNA

    >>>
  • PIEMONTE, IMPEGNO A FAVORE DELL'UNIVERSITA' DI TORINO +

    D.D. 17 giugno 2014, n. 586
    Impegno  e  liquidazione della somma  di Euro 50.000,00 sul cap. 165376/14 (ass. 100420)  a 

    >>>
  • LAZIO, NORME IN MATERIA DI CANI DA PRESA, MOLOSSIDI ED INCROCI +

    Determinazione 25 settembre 2014, n. G13564
    Legge regionale 6 ottobre 2003, n. 33:  Norme in materia di cani da presa,

    >>>
  • VENETO, PIANO REGIONALE PREVENZIONE 2010-2012 +

    DECRETO DEL DIRETTORE DELLA SEZIONE VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE n. 78 del 01 settembre 2014

    >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prof.veterinaria