Giovedì, Novembre 27, 2014
[
17:41   -    17:31   -    17:30   -    17:10   -    14:32   -    14:32   -    14:31   -    18:22   -    16:26   -    16:24   -    
]
EMILIA ROMAGNA
dottalcomputerSi completa la definizione degli accordi integrativi della medicina convenzionata con il Servizio sanitario. Tra gli obiettivi qualificanti: l'informatizzazione dei professionisti e l'adozione di nuove forme organizzative dell'assistenza specialistica ambulatoriale.
E' stato sottoscritto dall'assessore regionale alle politiche per la salute, Carlo Lusenti e dalle Organizzazioni sindacali SUMAI, CISL Medici e Federazione medici aderente UIL FPL, l'Accordo integrativo regionale per gli specialisti ambulatoriali interni, veterinari e professionisti sanitari (biologi, chimici, psicologi) in attuazione delle convenzioni nazionali dell'8 luglio 2010. Tale accordo è stato recepito con deliberazione di Giunta regionale n. 173/2012 e si aggiunge a quelli riguardanti i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta sottoscritti nell'estate scorsa (Dgr. 1117/2011 e Dgr. 1116/2011).

In particolare, nell'accordo si individuano due aree tematiche ritenute di importanza strategica per la programmazione, l'organizzazione e la valorizzazione dell'assistenza territoriale: l'informatizzazione dei professionisti e l'adozione di nuove forme organizzative dell'assistenza specialistica ambulatoriale.

Considerato che la normativa nazionale e regionale, richiedono per i medici specialisti ambulatoriali, l'adesione e l'utilizzo dei sistemi informativi messi a disposizione da Regione e Aziende sanitarie, nell'accordo si è previsto che tale utilizzo costituisca condizione irrinunciabile per l'accesso ed il mantenimento della convenzione con il Servizio sanitario, prevedendo altresì che le Aziende Usl pongano in atto tutte le iniziative, anche di carattere formativo, per la piena realizzazione di tale obiettivo.

Anche per quando riguarda il secondo aspetto qualificante dell'accordo, è stato ribadito che l'aggregazione funzionale, a cui i medici professionisti devono obbligatoriamente partecipare, è requisito fondamentale per la promozione dell'equità di accesso, l'individuazione di percorsi di integrazione, la condivisione di indirizzi e per garantire la continuità della cura. Alle Aziende Usl è demandata l'articolazione degli ambiti di aggregazione, da realizzare secondo il livello territoriale ritenuto più rispondente, per promuovere l'integrazione ed il coordinamento tra professionisti della medesima specialità e tra professionisti sanitari, avvalendosi anche di specialisti con funzioni di Coordinatori aziendali.

pdfIL TESTO DELLACCORDO.pdf244.26 KB

ATTUALITA'

  • Le zoonosi nel programma annuale del CCM +

    Il Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie ha definito il programma delle attività annuali  e i >>>
  • De Filippo: Italia vieterà ingresso ai cuccioli senza antirabbica +

    Il Ministero della Salute non si avvarrà della deroga concessa agli Stati Membri e vieterà l'introduzione in Italia di cuccioli >>>
  • Aviaria HPAI, Servizi Veterinari verifichino i livelli di biosicurezza +

    Dopo l'evoluzione della situazione epidemiologica in Olanda, il Ministero della Salute diffonde ulteriori indicazioni per il territorio. >>>
  • Rinvio a giudizio per il veterinario accusato di essere il mandante +

    La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio di sette persone per l'incendio di una clinica: quattro responsabili  >>>
  • I medici veterinari si attengano a veridicità e trasparenza +

    Si conferma l'aderenza delle norme di pubblicità sanitaria a quelle del Codice del Consumo: sì ai titoli e ai prezzi >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

EDITORIALE

  • Un nuovo modello organizzativo per la prevenzione? +

    Con l'approvazione del Patto per la salute 2014-2016, viene confermata dall'accordo Stato-Regioni la  tendenza che, da alcuni anni, caratterizza la >>>
  • Nuove DG al Ministero, il commento di ANMVI +

    "Continua a preoccuparci che il riordino possa modificare la storica collocazione della veterinaria e ci preoccupa la spending review". >>>
  • Patto della Salute, complessità delle strutture e qualità dei servizi +

    In Europa la sorveglianza sanitaria finalizzata alla sicurezza alimentare si muove a macchia di leopardo per le diverse sensibilità e >>>
  • Veterinaria sociale? Ce n'è bisogno ma i politici usano gli animali solo per la caccia al voto +

    Esplode fra i politici- anche di schieramento opposto- la moda dell'assistenza veterinaria gratis. Da Roma a Milano è una 'mania'. >>>
  • Lo spreco alimentare e i medici veterinari +

    Anche il consumo di cibo è un aspetto della vita sociale che non ci può lasciare indifferenti. >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

REGIONI

  • VENETO, PIANO DI SORVEGLIANZA DELLE ZOONOSI +

    DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1986 del 28 ottobre 2014
    Piano di Sorveglianza delle zoonosi e di attuazione di una >>>
  • CAMPANIA, ACQUISIZIONE DI RISORSE PER FINANZIARE L'ISTITUTO ZOOPROFILATTICO +

    Delibera della Giunta Regionale n. 492 del 10/11/2014
    ACQUISIZIONE  DI RISORSE AL BILANCIO 2014, AI SENSI DELL' ART.1, COMMA 16 LETTERA

    >>>
  • LOMBARDIA, REQUISITI IGIENICO SANITARI CIRCA LE CARNI DI SELVAGGINA SELVATICA +

    D.g.r. 7 novembre 2014 - n. X/2612
    Determinazioni in ordine ai requisiti igienico sanitari per l'immissione in commercio ed il consumo di >>>
  • LOMBARDIA, PAGAMENTO DELLE PRESTAZIONI DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA +

    D.g.r. 31 ottobre 2014 - n. X/2567 Determinazioni  in  ordine  al  pagamento delle prestazioni di sanità pubblica veterinaria. >>>
  • PUGLIA, MODIFICHE AL DECRETO SUI CONTROLLI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE +

    DETERMINAZIONE DIRIGENTE SERVIZIO ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE 27 ottobre 2014, n. 331
    Modifiche  ed  integrazioni  allegato A alla D.G.R. 928 del >>>
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prof.veterinaria